#132 - 22 giugno 2015
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi 19 marzo, quando lascer il posto al numero 282. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Parchi e oasi dello spirito

Riscoprire luoghi, storia, arte, natura - riscoprire il senso di sé

Parco dello Spirito "Fratello Sole Sorella Acqua" - Rieti

Oasi di Poggio Bustone

In cammino con l'enciclica "Laudato si"

Oasi di Poggio BustoneOasi di Poggio Bustone

Forte, la Parola del Signore irrompe nel silenzio della roccia:
luce infinita, nel buio della grotta; fuoco, nel cuore di Francesco.
L’eremo che accoglie i sette penitenti giunti a Poggio Bustone
è colmo di interrogativi.

Lasciata alle spalle l’ostile Assisi, e attraversate Cascia e Leonessa,
Francesco incontra e saluta la “Buona Gente” che vive
nelle umili case arroccate sulla montagna.

Un angelo si è chinato su di Lui,
come bene esprime il moderno bronzo di Ronchi:
sintesi della presenza artistica testimone della storia di quassù.

Oasi di Poggio BustoneOasi di Poggio Bustone

Dove sono? Cosa sono chiamato a fare?

Un’ossessione costante spinge Francesco
alla continua ricerca di se stesso.
Pesa il fardello del suo passato di dissolutezza;
vive l’amara inconsistenza della vita vissuta.
Etica e dolore morale costringono l’animo a ripiegamenti; e sempre,
in contrapposizione, per una misteriosa presenza spirituale,
ecco l’indescrivibile forza t testimone del respiro profondo della Fede.

La ricca vegetazione che corona il giaciglio;
il sommesso instancabile gorgoglio che accompagna
il lento defluire delle acque del ruscello;
il variare dei ritmi del canto degli uccelli, proteggono,
accompagnano e assecondano la preghiera
che Francesco innalza incessantemente al Cielo.

Oasi di Poggio BustoneOasi di Poggio Bustone

Il bosco custodisce i suoi passi;
e i sentieri, che si snodano tra alberi secolari,
colmi del prezioso privilegio, mutano in consapevoli vie
di comunicazione per quanti, nell’intera valle reatina,
sentano e vogliano approfondire il messaggio semplice e impegnativo
di un umile frate venuto da lontano.

Qui nasce la spiritualità francescana,
e la prima comunità che porterà
il concetto di pace e di fraternità tra gli uomini.

Da questi luoghi, l’avventura di Francesco prenderà il largo,
nel segno della Croce e della prospettiva di Cristo.

Oasi di Poggio Bustone

dante fasciolo

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Blook , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.