#332 - 10 giugno 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 1° marzo, quando lascerà il posto al numero 347. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Arte

Ampia partecipazione di critici, studiosi, appassionati, amici,
alla mostra dei lavori del noto e amato artista romano,
nella prestigiosa sala - esposizine del Circolo degli Esteri.

Enrico Benaglia

Presentazione di Giuseppe Scognamiglio

Presidente del Circolo degli Esteri

Enrico BenagliaEnrico Benaglia

Il Circolo degli Esteri dimostra da molti anni una particolare attenzione per l’arte contemporanea, ospitando le esposizioni di riconosciuti artisti italiani e stranieri, oltre ad arricchire i propri spazi con una collezione permanente di opere. Insieme alla visione internazionale che nasce dai suoi soci e ospiti, il Circolo ha sempre coltivato anche una forte vocazione culturale e artistica. Si tratta di due aspetti che procedono di pari passo in una comunità di persone spesso accomunata dalle differenze -di lingua, visioni e riferimenti culturali- che si arricchiscono vicendevolmente grazie alle unicità dell’altro.

Enrico BenagliaEnrico Benaglia

In questa cornice, ho sempre pensato che l’arte potesse trovare un posto speciale, perché, nelle proprie creazioni, l’artista è in grado di adottare un linguaggio universale e mai volutamente escludente; perché l’arte è un processo creativo esperienziale, nasce sul vissuto di chi la crea, nutrendosi di ciò che si vive, si vede e si pensa.

Enrico BenagliaEnrico Benaglia

L’arte ha sempre una componente personale, unica e irripetibile, che si affianca ad una volontà (più o meno manifesta) di condivisione. Ma c’è di più: per noi operatori e analisti degli scenari internazionali, per chi vive il nostro Circolo degli Esteri, il punto di vista di un artista contemporaneo è sempre prezioso, perché veste la realtà di uno sguardo nuovo, usando una visione e una modalità di interpretazione che a noi mancano, e dunque può contribuire a svelarci aspetti altrimenti ignoti.

Enrico BenagliaEnrico Benaglia

Le opere di Enrico Benaglia in mostra al Circolo degli Esteri sono un magnifico esempio di questa sintesi di apparenti opposti. Nei quadri di Benaglia ritroviamo, infatti, i tratti delle correnti artistiche italiane che hanno caratterizzato il secolo scorso, ci aggiriamo per la sua città, Roma, o ci immergiamo in scenari onirici, senza mai sentirci disorientati.

Enrico BenagliaEnrico Benaglia

Ogni suo quadro nasce da visioni e pensieri interiori, per poi arrivare a tutti coloro che ne accolgono la visione. Opere indubbiamente personali, ma che parlano un linguaggio universale, in grado di suscitare un vasto spettro di emozioni, delicate come le pieghe dei suoi personaggi di carta e mai superficiali.

Enrico BenagliaEnrico Benaglia

La mostra ospitata al Circolo degli Esteri ripercorre la lunga carriera del Maestro, mettendo in scena i suoi mondi, i suoi personaggi e le sue ricerche tematiche. Siamo felici di questa significativa opportunità e sono certo che tutti i visitatori, italiani e stranieri, potranno apprezzare la raffinata meraviglia che ci donano i quadri di Benaglia. In fondo la sua magia, reale e tangibile, è proprio questa.

Enrico BenagliaEnrico Benaglia

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato.