#314 - 17 settembre 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 03 febbraio, quando lascerà  il posto al numero 323. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
letteratura

L'opera nella lingua dell'Urbe

Dante

La Commedia - Canto XII

di Angelo Zito

Era montuoso er posto ‘ndo’ arivammo,
la china scenneva giù e a lo sguardo
te pijava un senso de sconforto.

L’istessa frana che de sopra a Trento,
per teremoto o p’artro accidente,
riempí l’Adige co’ quanto precipitava:

‘na massa de rocce frantumate,
che svotareno er fianco de quer monte,
tanto da impedinne la discesa.

Così se presentava quer burone;
e assettato proprio su la cima
l’infame mostro de la bella Creta,

concepito dentr’a ‘na vacca finta;
appena ce vidde prese a mozzicasse
come quanno l’ira te sconvorge.

La guida mia je dette su la voce:
“Tu pensi che sia er duca d’Atene,
quer Teseo che te cacciò qua sotto?

Spostete, bestia, si è venuto fin qua
nun è stata Arianna che l’ha spinto,
ma pe’ vvedé le pene che soffrite”.

Come er toro, spezzati li legacci,
corpito da la mazza che l’annienta,
nun se sa môve, e pare che sartelli,

a ‘sto modo viddi Minotauro;
e Virgijo me fà: “Corri ar passaggio,
quanno s’enfuria è mejo si tu scegni”.

Così annammo giù lungo quer mucchio
de pietre, che pareva se smovesse
sotto er peso der piede che premeva.

Stavo in pensiero e lui me fà: “Tu pensi
a ‘sta frana protetta da la bestia,
furiosa perche l’ho appena domata.

Devi sapé che quanno l’artra vorta
scesi qua de sotto ne l’inferno,
‘sta frana nun c’era ancora stata.

Si me ricordo bene, fu poco prima
de l’arivo de quello che sottrasse
dar cerchio de Dite l’anime belle,

un tremore sentii allora ne la valle,
er pensiero me corse a que l’amore,
che abbraccia l’universo e che ha paura

che cada er monno ancora dentro ar Caos;
e a quer momento la roccia annò a pezzi,
come a suggellà questa credenza.

Ma guarda là de sotto, s’avvicina
‘na fiumana de sangue che sta a coce
chi violentanno fece danno a tanti”

Oh pazza bramosia, oh cupa ira,
che t’impossessi de noi quanno vivemo
e ce bolli in eterno dentro ar sangue!

Viddi un largo fossato fatto a cerchio
ch’abbracciava quer piano tutt’attorno,
come m’aveva detto er vate mio;

e tra er costone e la fossa coreveno
schiere de centauri co’ le frecce,
pareva che dovessero annà a caccia.

Come ce viddero scenne, se fermorno,
in tre uscireno fora da la fila
co’ archi e frecce ch’ereno già pronte;

uno lanciò ‘na voce: “Quale pena
annate in cerca pe’ vvení qua sotto?
Parlate da là, sinnò parte la freccia”.

Er maestro je fà: “ Risponneremo
solo a Chirone che sta tra mezzo a voi:
hai sbajato a parlà tanto de fretta”.

Me toccò appena e disse: “Quello è Nesso,
che morí pe’ la bella Deianira
e se fece vendetta da sé solo.

Là in mezzo co’ lo sguardo a tera vedi
Chirone, er saggio ch’allevò Achille;
l’artro è Folo, violento pe’ natura.

Gireno attorno ar fosso, sò mijara,
tireno frecce a chi sorte dar sangue,
aggiungènno artra pena a chi già soffre”.

Appena ce avvicinammo a quele bestie,
Chirone, co’ la coda de la freccia,
spartí la barba da davanti ar mento,

e co’ la bocca tutta spalancata
disse ai compagni: “Quello che sta dietro,
fatece caso, a ogni passo che fà

smove le pietre, nun è così pe’ nnoi”.
Virgijo, che j’era vicino ar petto,
lí dove omo e cavallo so congiunti,

je rispose: “Certo che è vivo e a lui
je devo fà da guida in questa valle;
nun è pe’n gioco, lo famo pe’ ddovere.

‘N’anima bella smise li cori in cielo
e me affidò ‘sto compito speciale:
questo nun è un ladro e io nemmeno.

E pe’ onorà quela virtù che ha scerto
de famme esse da guida in questi lochi,
damme un centauro, je staremo dietro,

pe’ gguadà ‘sta fiumana ribbollente
e caricà quest’omo su la groppa,
che nun sa volà come li spirti”.

Chirone se girò a la sua destra
“Faje da guida”, ordinò a Nesso,
“si quarcuno s’accarca fallo fori”.

E, sicura, ‘sta guida ce condusse
lungo la riva de ‘sto fiume rosso,
dove er bollore soffoca li strilli.

C’era gente affogata fino a l’occhi
e quer centauro fece: “Sò tiranni
che fecero straggi e rubberie.

Se piagneno addosso tutto er male fatto;
quello è Alessandro, l’artro è Dionísio,
che fece soffrí a lungo la Sicija.

Quello co’ li capelli tutti neri,
è Azzolino, l’artro Opizzo d’Este,
tutto bionno, che terminò li giorni

pe’ mmano der fijastro, sarvo ognuno”.
Me girai ar maestro che me disse:
“Adesso è lui che guida io vengo appresso”.

E piú avanti er centauro se ferma
su un gruppo de gente che se stava a coce
fino a la gola dentro er bulicame.

Ce fece: “Quell’ombra un po’ appartata
trafisse er core a uno, che ancora oggi
è venerato a Londra, dentro ‘na cchiesa”.

Artri ne viddi appresso che spuntaveno
co’ la testa e tutto er busto sopra l’onna;
tanti de questi n’ho riconosciuti.

Andanno avanti er fiume s’abbassava,
tanto da coce solamente li piedi,
da lí potemmo annà all’artra riva.

“Si da ‘sta parte vedi che er livello
va sempre più in basso”, me fà quello,
“nun crede che finisca la fiumana,

più avanti er letto der fiume fa ‘na fossa
e risale tanto er bollore che la pena
se fà più calla pe’ ttutti li tiranni.

La divina giustizzia qua flagella
quell’Attila che fu flagello in tera,
e Pirro e Sesto; e tira fori er pianto,

che se scioje cor calore de ‘sta fossa,
a Rinier da Corneto e a quello Pazzo,
che seminareno violenze co’ le guere”.

Poi se girò, riattraversanno er fiume.

Dante

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.