#312 - 30 luglio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 03 febbraio, quando lascerà  il posto al numero 323. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
letteratura

L'opera nella lingua dell'Urbe

Dante

La Commedia - Canto X

di Angelo Zito

CANTO X
Pe’ ‘na strada che se vede appena,
tra er murajone arto e quele tombe,
er duca procede, io je sto dietro.
“Granne saggio”, je fò, “che me conduci
attraverso ‘sti giri ‘ndove tu sai,
fatte sentí, lo sai che sò curioso.
Se pô véde chi sta ne li seporcri?
tanto li coperchi ormai sò sollevati
e nun vedo nissuno a fà la guardia”.
Lui me risponne : “Saranno richiusi
quanno da Giosafatte torneranno
co’ li corpi lassati sù de sopra.
Questo è la città dove Epicuro
qui cià la tomba assieme a li seguaci,
l’anima môre, dicheno, cor còrpo.
Tornanno a la domanna t’accontento
e avrai risposta puro ar desiderio
de sapé artro e che nun m’hai richiesto”.
E io: “ Maestro mio me sò affidato a te
e nu’ spreco parole pe’ ddí gnente,
cosí m’hai abbituato a comportamme”.
“O Tosco che vivo giri in mezzo ai fochi,
parlanno come parla ‘n’omo onesto,
fermete un po’ accanto a questa tomba.
Da l’accenti che usi se capisce
che sei nato in quer nobbile paese
lí dove ho procurato troppi affanni”.
Improvvise da l’arca ‘ste parole
vennero fora, e pe’ la paura
me feci più accosto ar mio maestro.
Ma lui me fece: “Girete! Che fai?
Quello che vedi là è Farinata;
se mostra tutto da la cinta in sú”.
J’avevo già puntato l’occhi addosso;
e quello cor petto dritto, a fronte arta,
pareva volesse disprezzà l’inferno.
Er duca cor coraggio ne le mani
subbito m’avvicinò a lui dicenno:
“Parlaje co’ parole misurate”
M’ero appena avvicinato a la tomba,
e quello co’ sopportazione me fà:
“Chi sò stati l’antenati tua?”
Io che smaniavo d’esseje ubbidiente
nun me feci pregà, je dissi tutto;
lui, sollevato un po’ er sopraccijo,
parlò così: “Furo avversari a me,
a l’antenati e a la parte mia,
e pe’ ddu’ vorte l’ho cacciati indietro”.
“Anche si l’hai sconfitti sò tornati”,
j’arisposi, “pe’ ttutt’e dua le vorte;
ma a la fazione tua nu’ jè servito”.
In quer momento venne fora un’ombra,
vicino a lui, vedevo solo er mento:
come se fosse arzata a ginocchioni.
Cercò co’ ll’occhi preso dar desiderio
si c’ereno co’ mme artre presenze;
doppo che se convinse ch’ero solo,
piagnenno, prese a dí: “ Si in ‘sta priggione
te môvi in virtù de l’intelletto,
dov’è mi fijo, perché nun t’è compagno?”
E je risposi: “Nun vengo qui da solo:
lui che me guida me porterà da chi
ar vostro Guido nu’ j’annava a genio”.
Da la pena che scontava e dar discorso
avevo inteso co’ chi stavo parlanno,
perciò j’avevo risposto apertamente.
Quello se tirò sú gridanno: “Come?
hai detto - nu’ j’annava -? è morto forse?
er sole nu’ je brilla più ne l’occhi?”
Nun fui pronto a risponne a la domanna,
e l’anima presa da lo sconforto
cadde de sotto e nun uscí più fora.
E l’artro spirto, che m’aveva chiesto
chi fosse la famija da ‘ndo’ venivo,
nun fece ‘na piega, fermo lo sguardo,
riprese er discorso cominciato:
“Si nun hanno imparato la lezzione
me dà dolore più de ‘sto seporcro.
Ma la faccia de la donna che qui regna
s’accenderà manco cinquanta vorte,
che puro tu capirai quela lezzione.
Dovessi tu tornà a vive in quer monno,
dimme perché a Fiorenza fanno leggi
tanto crudeli contro la parte mia?”
E io: “Dar giorno che a Montaperti
la stragge colorò l’Arbia de rosso,
chi cià er potere orienta le capocce”.
Fatto appena un sospiro, scosse la testa,
“Né io né l’antri”, fà, “senza motivo
avressimo dato er via a la battaja.
Ma io solo, contro quanti vòrsero
distrugge la città che io amavo,
io solo fui a volella lascià intatta”.
“Possa riposà in pace la tua stirpe”,
dissi così, “mó sciojeme quer dubbio
che tiene ammatassato er mio giudizzio.
Me pare de capí che anzitempo
ciavete er dono de sapé er futuro,
invece sete a l’oscuro der presente”.
“Come chi soffre de cattiva vista,
vedemo solo quello ch’è lontano,
finch’er sole continua a facce luce.
Ma quello ch’è presente o s’avvicina
nu’ lo intennemo e senza ‘na notizzia
nun potemo sapé quanto succede.
Mó ciavrai chiara la pena che ce tocca:
si è chiusa la porta der futuro
pe’ nnoi è chiusa ogn’artra conoscenza”.
Preso da un senso de córpa continuai:
“A quell’anima caduta ne la tomba
dije ch’er fijo è ancora vivo in tera;
e si nun fui pronto a daje la risposta
era per pensiero de quer dubbio
che mó hai sciorto co’ le tue parole”.
Virgijo me invitò a riprenne er passo;
e m’affrettai a chiede a quelo spirto
co’ chi artri spartiva quela fossa.
“Sò più de mille” me disse “qui seporti:
Federico seconno, splendor mundi,
er Cardinale Ubardini, a fà’ du nomi”.
Poi se sdraiò e io me feci accosto
a la mia guida, cor pensiero fisso
a le parole presaggio de sventure.
Ripresa la strada, er duca mio me fà:
“Qual’è er motivo de ‘sto smarrimento?”
E je dissi cos’è che m’accorava.
“Tie’ a mente le parole c’hai sentito
su la tua sorte”, m’ammonì er vate;
“fa’ attenzione”, e sollevanno er dito,
“conoscerai er cammino che te tocca
solo davanti ar lume luminoso
de quell’occhi che te daranno luce”
E poi riprese a annà pe’ la sinistra;
lasciato er muro, attraverso un sentiero,
sbucammo arfine in mezzo a ‘na vallata.
Er puzzo ciarivàva fino in gola.

Dante

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.