#311 - 16 luglio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascerà  il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fotografia

In mostra le opere dei malati oncologici
Una iniziativa di "Salute Donna Onlus"

Roma - Ospedale San Pietro - Fatebenefratelli

Carpe Diem

Corso base di Fotografia con affiancamento Terapeutico

Carpe DiemCarpe Diem

Oggi il mondo è invaso dalle fotografie, ognuno di noi sul proprio smartphone ha migliaia di foto in archivio, sempre a portata di mano e tutto questo scattare ha portato a perdere il significato primitivo di foto, cioè quello di cercare e catturare un' immagine, per cogliere quel particolare attimo/carpe diem.

Carpe DiemCarpe Diem

Produrre una bella foto correttamente eseguita e tecnicamente perfetta è diverso dall'aver prodotto una buona foto.
Una buona foto ha il potere di comunicare, di lasciare allo spettatore il ricordo nel tempo di quell’immagine e tanto più una foto ha forza visiva tanto più è una buona foto anche se tecnicamente sbagliata.

Carpe DiemCarpe Diem

Da queste premesse - scrive il Professor Antonio Astone - "è nata l’idea di parlare di fotografia e di imparare a leggere il significato delle immagini.
Il corso, organizzato presso l’Ospedale San Pietro Fatebenefratelli dalla Sezione Lazio dell’associazione Salute Donna con il prezioso contributo tecnico del fotografo Stefano Casadio, si è articolata in due fasi: la prima con incontri sulle tecniche di ripresa e sulle regole di composizione dell’immagine. la seconda, il vero aspetto peculiare del corso, ha affrontato l’analisi della fotografia insieme ad un team di psicologi per scoprirne il significato profondo, le emozioni celate e il vissuto in esse presente in modo da trasformarle in un potente strumento di conoscenza, comunicazione e relazione."

Carpe DiemCarpe Diem

Perché siamo attratti da un soggetto, da un particolare, da un colore o da una luce?
Cosa suscita nel nostro io profondo quello scatto?
La fotografia diventa strumento relazionale: dalla realtà raffigurata al momento della messa a fuoco alle emozioni dell’autore. Dall’emozione del singolo all’emozione condivisa. La fotografia diviene allora strumento di relazione interpersonale e, in particolare, tra operatori sanitari, pazienti, familiari e quanti coinvolti. Una migliore relazione si traduce, in medicina ed in particolare in oncologia, in una maggiore motivazione ed una maggiore efficacia del percorso di cura.

Carpe DiemCarpe Diem

La mostra Carpe Diem - esposta e visitabile gratuitamente presenta ben 60 opere fotografiche con diversi soggetti e diverse misure, realizzate da un gruppo di 15 nuovi artisti che hanno dato forma ai loro sguardi e alle loro riflessioni attraverso la macchina fotografica. Tutti pazienti oncologici, psicologi e volontari che hanno seguito il corso tenuto da Stefano Casadio sulle tecniche base dell’arte fotografica avvalendosi di un affiancamento terapeutico.

Carpe DiemCarpe Diem

Fotografie e riflessioni. “Si tratta di una mostra molto originale, – racconta Stefano Casadio – perché gli scatti sono stati realizzati in questi mesi di corso con il supporto di cinque psicologhe che ci hanno accompagnato durante tutto il percorso, aiutando i pazienti a elaborare e a scrivere le loro sensazioni”.
Accanto alle opere, infatti, troveremo alcuni testi scritti dagli stessi autori. Come didascalie, espliciteranno le emozioni date dal nuovo modo di osservare il mondo, dalla ricerca di equilibrio e dalla forza di affrontare la malattia sentendosi parte di un gruppo.

Carpe DiemCarpe Diem

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.