#310 - 29 giugno 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascerà  il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Di borgo in borgo

In cordiale collaborazione con l' "Associazione dei Borghi del Respiro"

Abruzzo

Sante Marie

Sante MarieSante Marie

Tra i Borghi del Respiro dell' Abruzzo, c'è "Sante Marie" tipico borgo al confine tra Lazio e Abruzzo della catena dei monti carseolani; il monte Bove, il monte Sant’Angelo e il monte Faito.
Immerso in un paesaggio incantato, aspro e selvaggio impreziosito da foltissimi castagneti e faggeti secolari, il borgo volge lo sguardo su panorami di rara bellezza, mutevoli ed incantevoli nel trascorrere le quattro stagioni.

Sante Marie

Oltre 1000 abitanti, disteso su un territorio tra gli 850 e i 1000 metri sul livello del mare, Sante Marie, è caratterizzato da una notevole presenza idrica sotterranea e dalla stupenda Riserva Regionale Grotte di Luppa, con il suo inghiottitoio di grande interesse speleologico.

I castagneti, con il loro tangibile fascino, rappresentano una delle punte di diamante della zona e, da sempre, rappresentano un bene prezioso per l’economia e la cultura locale (Sante Marie fa parte dell’Associazione Nazionale Città del Castagno e ogni anno anima una giornata di festa dedicata a questo prodotto ). Altra perla è sicuramente l’acqua oligominerale della Fonte della Rocca che sgorga tra dirupi, boschi e rocce a 1100 metri d’altitudine.

Sante Marie

Molte le tracce della lunga storia dal quale il borgo è stato attraversato; non si farà fatica a coglierle: gli antichi portali, le graziose chiese, le costellazioni di ruderi e palazzi e la vasta area archeologica che si estende sul versante meridionale del Monte Faito, tra Scanzano e Santo Stefano.
La presenza di insediamenti antichi è testimoniata da resti murari e frammenti di ceramica e altri reperti rinvenuti durante ricognizioni sul territorio e scavi di settore.
Gli insediamenti antichi occupavano una fascia di minore pendenza che si estende sotto la ripida e rocciosa scarpata superiore del monte, a quota 960/1030m s.l.m., articolata in una serie di terrazzi naturali posti a quote diverse e di profondità variabile. Il perimetro dell’area occupata dai reperti è di circa un chilometro e mezzo, la larghezza massima in senso ortogonale alle linee di pendenza è di trecento metri. Colle Nerino è il toponimo di uno dei dossi compresi in questo territorio, che ha dato recentemente il nome all’intera area archeologica.

Sante Marie

Il borgo montano di Sante Marie, dalla classica conformazione ad oppidum medievale, si trovava sulla linea di confine tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli: è stato, per questo, terra di passaggio di eserciti e briganti.
A Palazzo Colelli si trova il Museo del Brigantaggio, ispirato alla storia del generale catalano Josè Borjes, catturato proprio alle porte del paese l’8 dicembre 1861.
Da Sante Marie si può intraprendere il famoso e frequentatissimo Cammino dei briganti, che ripercorre i passi dei briganti tra i monti a cavallo del Lazio e dell’Abruzzo. Un meraviglioso percorso di trekking ad anello nel quale la natura incontaminata si sposa con la bellezza dei piccoli borghi dalla genuina accoglienza.

Sante Marie

La denominazione del grazioso borgo, che originariamente identificava un tempio dedicato alla Vergine posto su di un luogo elevato, deriva dal latino altum (castrum) Sanctae Mariae. Nel Catalogo dei Baroni (XII sec.), la più antica testimonianza dell’esistenza del paese, questo viene chiamato Alto Sante Marie; in seguito viene anche citato nella Bolla Papale di Clemente III (1188), con l’indicazione delle sette chiese presenti sul territorio.

Dalle origini antichissime, condivide la sua storia con quella della vicina Alba Fucens: quest’ultima, infatti, ancor prima di essere occupata dai romani, fu ripetutamente contesa tra gli Equi e i Marsi; una delle sue contrafforti verso Roma era proprio nel territorio di Sante Marie, a testimoniarlo le tracce di mura e muraglioni a secco, simboli dei borghi fortificati di antica fattura (Castelvecchio e Scanzano).

Sante Marie

Nel Medioevo Sante Marie faceva parte del feudo di Tagliacozzo, dapprima sotto il controllo dei Conti dei Marsi, poi dei De Pontibus, in seguito degli Orsini e dei Colonna. Nel periodo postunitario fu il luogo dove venne catturato e ucciso il brigante catalano José Borjes.
Messo a dura prova dal disastroso terremoto del gennaio 1915, il paese fu tristemente bombardato dagli aerei americani (20 gennaio 1944) durante la Seconda Guerra Mondiale nell’erroneo tentativo di colpire il comando tedesco stanziato nella villa dell’avvocato Mari, a pochi passi dalla ferrovia Roma-Pescara.

Sante Marie

Nel centro storico del borgo montano fortificato si trova la chiesa quattrocentesca di Santa Maria delle Grazie, fortemente modificata durante il Barocco, conserva il portale e il campanile originari. Costruita dai resti della chiesa di Santa Maria in Luppa (inizialmente collocata nel piccolo paese di Uppa), presenta graziosi dipinti di santi dell’ungherese Carlo Frjes sulle navate.
Da segnalare è, inoltre, l’altare dedicato alla Madonna del Rosario di epoca barocca e scuola romana.

Sante Marie

Nella piazza del paese di Santo Stefano si trova la chiesa di Santo Stefano Protomartire, citata nella Bolla papale di Clemente III. Inizialmente legata a un cenobio benedettino, fu ristrutturata per la prima volta nel XVI secolo, in seguito nel 1903; a navata unica, si contraddistingue per il meraviglioso altare classico, impreziosito dalla tela (1800) del pittore di Tagliacozzo Guadagnoli raffigurante la lapidazione di Santo Stefano.

Sante Marie

Il Borgo di Sante Marie è iscritto a diverse associazioni e sodalizi a carattere nazionale, in particolare è attivo nell'ambito dei *"Borghi del Respiro" cui aderiscono borghi selezionati per le loro caratteristiche ambientali e sanitarie.

Sante Marie

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.