#310 - 29 giugno 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascerà  il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Testimonianze

Continua la narrazione di una nuova avventura antica e attuale

In Viaggio lungo lo Jonio alla scoperta della...

Magna Grecia

Sui passi di George Gissing - Sesta puntata

di Giuseppe Cocco

Dopo i 10 giorni di malattia Gissing ora in 6 pagine deve smaltire la convalescenza; è così che dopo la prima pessima impressione avuta del materiale umano dell'albergo, un personale che parrebbe poco meno che selvaggio, sporchi e rozzi, privi di qualsiasi requisito professionale, superata la prima antipatia, probabilmente anche per l'assistenza avuta durante la malattia, comincia a vedere i lati buoni, imparando a scusare gli errori.
Ma anche il loro comportamento è cambiato da sbrigativo a cordiale e umano.
Questa è la dimostrazione che i pregiudizi si abbattono con la conoscenza e la frequentazione.

Magna Grecia

Ognuno a suo modo aveva partecipato alla sua malattia, si era angustiato, uomini e donne, e altrettanto stavano facendo per aiutarlo a riprendersi cercando di superare i propri limiti.
Anche lui osserva con maggiore attenzione ognuno di loro e con maggiore empatia e comprensione.
La convalescenza naturalmente prevede una rigorosa dieta alimentare, e il giovane dottore che durante la malattia, quando Gissing non aveva appetito, gli aveva ordinato bistecca e Marsala, ora che l'appetito era tornato, per la legge del contrappasso, aveva prescritto un'alimentazione leggera e per bere, ironia della sorte per un Inglese, il tè.
Ma se per un Inglese non è un problema bere tè, il problema lo è trovarlo nella Calabria profonda; la soluzione la offre il farmacista, ma risulta una soluzione a metà, in quanto talmente vecchio da essere insapore e inodore: una bestemmia per un Inglese.

In questo capitolo il mio amico viaggiatore, via via che si riprende dalla malattia, comincia a sentirsi stretto e costretto agli "arresti domiciliari" e dimostra tutta la sua capacità di narratore di viaggi, dopo aver esplorato tutto ciò che avviene all'interno dell'albergo e i personaggi in commedia, cominciando a raccontare ciò che vede e sente dalla finestra della camera.
Ancora dura la lunga convalescenza, lenta l'uscita dalla malattia malarica che, come si sa, tanto debilita mai completa e definitiva, ma Gissing scalpita per riprendere il viaggio per andare a Catanzaro.
Ma ancora 6 pagine per smaltire la convalescenza e non gli rimane che confrontarsi con il Medico, che lo sconsiglia di partire ancora e di evitare di andare a Catanzaro, città ventosa e fredda, no propizia per i suoi problemi polmonari.
Confida il suo cruccio di non poter andare a visitare Capo Colonna, e conversa confrontandosi sulle impressioni su Cotrone e i suoi abitanti, avendone conferme alle sue affermazioni.

Magna Grecia

Ma il viaggiatore preme sul Dottore, dichiara di non poter più resistere alla tetra vita da malato, sentendo forte il richiamo dell'aria aperta.
Il dottore davanti a tanta insistenza dà il permesso ad uscire con parsimonia e naturalmente il suo stato è di una gran debolezza che lo coglie già dopo aver attraversato la piazza fino alla Farmacia: anche il Farmacista conferma la contrarietà al viaggio a Catanzaro per gli stessi identici motivi addotti dal Medico: freddo e vento.
Ma niente, ormai il dado è tratto si partirà nel pomeriggio; dopo pranzo, ancora barcollante, un'ultima passeggiata nella Città come preludio alla nuova avventura catanzarese.
Poi arriva il momento del commiato estremamente cordiale e del conto che si rivela estremamente modesto per i 15 giorni di ospitalità e l'assistenza ricevuta, tanto da far apprezzare, ancora una volta, a Gissing, lo spirito calabrese: «l'onestà calabrese rifulse in quella transazione».
La grande paura e la detenzione sono finite: ecco il tanto sospirato momento di salire sulla sgangherata diligenza, sporca e sconquassata, che finalmente ci porta alla stazione dove l'agognato treno per la fuga parte con 20 minuti di ritardo regolamentare; e via, il treno parte sbuffando, si riparte.
E il treno sembra farci uscire da una galleria lunga 2 settimane, un incubo passato tra tempo di burrasca e malattia, e quando raggiunge finalmente la stazione di Catanzaro Lido riprende vita, illuminandosi e colorandosi, tra mare aranceti e la luna che sovrasta i monti della Sila.

Magna Grecia

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.