#310 - 29 giugno 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascerà  il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
beni culturali e paesaggistici

In collaborazione con l'Associazione Italiana Amici dei Mulini

Basilicata. Comune di Pignola (PZ)

Mulini storici

Storia dei mulini e mulino Cornaleto

di Vittorio Galliazzo

Mulini storici

L'arte della molitura si configura come uno dei momenti più importanti e significativi della civiltà occidentale, anche per i molteplici interessi d'ordine sociale, politico, economico e tecnologico che ha saputo suscitare.

In realtà il mulino storico (sia ad acqua che a vento), nelle sue espressioni più complete, costituisce una tra le massime invenzioni tecnologiche non solo dell'antichità, ma anche e soprattutto dell'età medievale e moderna, periodo in cui si presenta come una meravigliosa macchina tuttofare se considerata nei suoi vari e differenziati impieghi in cui viene a operare. Innumerevoli sono le testimonianze diffuse per ogni dove da questa macchina produttiva, mostrando chiaramente come il mulino sia stato non solo una rilevante manifestazione architettonica inserita nella scena urbana o rurale, ma anche un vero e proprio operatore di trasformazioni economiche, civili, sociali e territoriali, segnando in qualche modo e per sempre alcuni aspetti della civiltà europea.

Mulini storici

In un paese che consumava (e consuma) grandi quantità di cereali e di granaglie di vario genere come l'Italia, "acqua, macine e farina" dovevano integrarsi a vicenda e trovare nel mulino la loro sede privilegiata. Nessuna meraviglia quindi che la prevalente alimentazione cerealicola degli italiani abbia portato nei secoli passati a un'ampia e capillare diffusione del mulino, nelle sue più diverse tipologie, su tutto il territorio nazionale, almeno fino alla fine dell'Ottocento, quando la modernizzazione dei meccanismi di macinazione operata soprattutto dall'introduzione dei laminatoi, ha avuto come immediata conseguenza una più rapida produzione di farina e una veloce trasformazione del mulino artigianale in mulino-fabbrica a più piani, capace di alimentare interi centri abitati.
Da quel periodo i vecchi mugnai furono progressivamente indotti ad abbandonare l'antico lavoro, ormai non più competitivo, dando luogo a un progressivo abbandono dei mulini del passato, decretandone spesso in tal modo anche la fine strutturale per il conseguente degrado.

Mulini storici

Ora ecco un mulino tra storia e poesia.
Mulino “Cornaleto” contrada Ponte Mallardo Comune di Pignola (PZ) – Basilicata.
Un tempo i mulini ad acqua erano diffusi in tutta la valle del Basento e contribuivano a sostenere intere comunità.
Attraverso i mulini, artigiani pastori e contadini, tutti protagonisti dello sviluppo rurale degli ultimi secoli, beneficiavano delle risorse idriche per andare avanti.

Oggi non resta molto della civiltà contadina di allora ma fortunatamente esistono ancora delle preziose testimonianze di quel tempo.
Una di queste è senza dubbio il mulino ad acqua “Cornaleto” dei fratelli Cammarota, situato in località Ponte Mallardo nel comune di Pignola.
La struttura, è stata recuperata alla perfezione a partire dal 2007, in collaborazione con la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici della Basilicata.

Mulini storici

Un po’ di storia ci spiega l’effettiva importanza del mulino ad acqua di ponte Mallardo la cui origine risale all’Ottocento. Il mulino ha funzionato fino al 1960.
Tecnicamente il mulino è composto dal locale con relativa torre in muratura a pietra, il locale sottostante “carcerario” con i due “ritrecini” (totalmente ricostruiti) che fanno girare altrettante macine (prodotte in Francia a “La Fertè Sous Jouarrè”), una usata per il grano e l’altra per il mais; oltre alla casa del mugnaio e il forno.

Nella vista guidata è possibile ammirare da vicino le caratteristiche del mulino, che prende il nome di “Cornaleto” dalla presenza in zona di cornioli, alberi dal legno molto duro utilizzato proprio per la costruzione di parti di macchine idrauliche.
E’ possibile conoscere la storia del suo recupero attraverso una ricca galleria di immagini che documentano le fasi della ricostruzione.
I lavori sono stati eseguiti con grande accuratezza grazie alla sapiente opera di valenti artigiani della pietra e del ferro.
Per riportare il mulino al suo antico splendore sono state fatte delle ricerche storiche approfondite e nulla è stato lasciato al caso, nemmeno il più piccolo particolare”.

Mulini storici

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.