#307 - 21 maggio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
letteratura

Uno spazio in omaggio al Sommo Poeta

Endecasillabi sciolti e ritmati nella lingua dell'Urbe

La Commedia

Canto V - II parte - versi 73 / 139

di Angelo Zito

E presi a dí: “Vorrei parlà a quei due
che cammineno accosti l’uno a l’artro,
mossi come le nuvole ner vento”.

“Aspetta che venghino da noi”, me fà,
“e pe’ l’amore che de qua l’ha spinti
je potrai chiede si te danno ascorto ”

Appena er vento li porta più vicino
“O anime accorate”, cominciai,
vorei parlà co’ vvoi, si m’è permesso”.

Come colombe, mosse dar richiamo,
co’ l’ali aperte voleno pe’ ll’aria,
tanta è la voja de raggiunge er nido,

così lasciato er gruppo de Didone,
attraverso quell’aria de tragedia,
li portò a me la voce mia pietosa.

“Tu che sei ancora in vita e vai a tròva,
in questo monno triste, senza luce,
noi che insanguinammo queli giorni,

si ciavevamo udienza presso Iddio
l’avressimo pregato de sarvatte,
ché compatisci er male ch’amo fatto.

De quanto vôi che raggionamo assieme
parlamoce e sentimo quanto dichi,
mentre che er vento mó pare carmasse.

Er loco mio natale è quela striscia
dove ch’er mare s’apparenta ar fiume,
che carico d’acqua scenne giù dai monti.

Pijò foco quest’anima gentile
de la bellezza mia che fu smorzata,
che a ricordallo me fa male ancora.

Amor che vôle amore da chi è amato
infiammò pure me co’ tanto ardore
che ancora adesso me lo porto addosso.

Amore cià portato a morì assieme,
Caina aspetta chi ce volle uccide”
Queste le parole che me disse.

A sentí le disgrazie de quei due
chinai er capo, stetti così a lungo
ch’er poeta me disse: “Mó che pensi?”

“Povero me”, risposi, “che sospiri,
che smania d’amore l’ha travorti
pe’ ffiní qua de sotto a ‘sto distino”.

Poi rivorto a quell’anime je dissi:
“Francesca pe’ qquer male c’hai patito
soffro e la pietà m’esce da l’occhi.

Ma quanno c’era solo tenerezza,
come fu che l’amore trovò er modo
de mette a nudo li vostri desideri?”

“niente è più doloroso”, me rispose,
“che ricordà de quanno eri felice
mó che sei in disgrazia, er duca tuo lo sa.

Ma si vôi conosce come è cominciato
l’amore che è sbocciato come un fiore,
me sentirai parlà mentre stò a piagne.

Stavamo a legge pe’ divertimento
come arse d’amore Lancillotto;
soli eravamo, soli e incuriositi.

Più vorte lo scritto ciappannò la vista
e le guance prenneveno colore,
ma solo un punto fu a legacce assieme.

Quanno baciò la bocca de Ginevra
quell’amante che ardeva come er foco,
questo, che sta co’ mme in sempiterno,

me baciò in bocca pieno de paura.
Complice chi ha scritto er libbro galeotto:
su quer punto finí la nostra storia”.

Mentre questo spirito parlava
l’artro piagneva in silenzio e pe’ la pena
me sentii perde le forze tutt’a’n tratto

e caddi come cade un omo morto.

La Commedia

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.