#305 - 23 aprile 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 settembre, quando lascerà  il posto al numero 313. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Antropocene

La tamerice comune (Tamarix gallica L.) è un albero o arbusto
di medie dimensioni appartenente alla famiglia delle Tamaricaceae.
È conosciuta anche con i nomi volgari di cipressina, tamarisco, tamerisco e scopa marina.

Tamarix gallica

di Guido Bissanti

.

Tamarix gallica

Sistematica
La Tamerice dal punti vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Superdivisione Spermatophyta, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Caryophyllales, Famiglia Tamaricaceae e quindi al Genere Tamarix ed alla Specie T. gallica.

Etimologia
Il termine Tamarix è derivato da Támaris, fiume dell’Hiberia ed assonante con l’arabo tamár; palma; l’epiteto specifico gallica deriva certamente dalle Gallie, l’attuale Francia.

Distribuzione Geografica ed Habitat
La tamerice comune cresce soprattutto negli ambienti litoranei, sui greti dei torrenti, sempre in terreni sciolti, sabbiosi o ghiaiosi. È una pianta che sopporta la salsedine e vegeta anche in terreni salini. La si trova spontanea nelle aree costiere del mediterraneo occidentale, dal livello del mare fino agli 800 metri s.l.m..

Descrizione
La tamerice si presenta come un arbusto o un piccolo albero legnoso, con un’altezza che va dai 5 ad un massimo di 9-10 metri, semi-sempreverde. La Tamarix gallica ha un tronco corto eretto, ma più spesso incurvato, con corteccia di colore cinerino e con profonde incisioni. Si presenta con una chioma di forma cespugliosa ed irregolare, di colore verde-grigio glauco, con rami lunghi sottili e flessibili. È caratterizzata da germogli di colore bruno-violaceo, foglie alterne molto piccole, squamiformi ad apice acuto, ovato-lanceolate, che ricoprono i rami; i fiori della Tamarix gallica sono numerosi e molto piccoli, con un colore che va dal biancastro al rosato, riuniti in spighe terminali; la pianta fiorisce tra maggio e luglio. I fiori si presentano con una corolla di 5 petali giallini o rosati, con 5 stami sporgenti; il pistillo è con ovario supero ed è sormontato da 3 stili filiformi. Il frutto è una capsula ingrossata alla base e sottile all’apice, con base triangolare.

Tamarix gallica

Coltivazione
La Tamarix gallica viene coltivata anche come pianta ornamentale ed ama i luoghi luminosi e soleggiati per molte ore al giorno; anche se non teme il freddo sopporta male le gelate tardive.
Come detto predilige terreni sciolti e drenati, crescono anche in assenza di irrigazione che può essere somministrata solo nel periodo più giovanile della pianta. Pur essendo una pianta rusticissima del letame maturo in preimpianto gli conferisce maggiore vigoria. La propagazione può essere per seme in primavera o per talea legnosa. Per le piante ornamentali la potatura serve per eliminare rami e rametti secchi ed accorciando al limite quelli lunghi. Dal punto di vista sanitario la Tamarix gallica teme l’oidio , soprattutto se il clima è eccessivamente umido. Tra i parassiti animali teme l’attacco della Metcalfa e delle larve dei rodilegno che scavano vistose gallerie nel tronco e sui rami.

Usi e Tradizioni
La tamerice comune è un’ottima pianta per il rimboschimento di luoghi sabbiosi e salati, come barriera frangivento, per il consolidamento delle dune e quindi per tutte quelle aree marine in cui bisogna iniziare a creare una copertura vegetale. In passato veniva utilizzata come foraggio in quanto il bestiame ne apprezzava il sapore salato. Oggi viene usata spesso come albero ornamentale in giardini, parchi, viali.
Caratteristica di questa pianta, osservata anche in riva al mare, è la “sudorazione” sotto forma di gocce di liquido chiaro ed estremamente salato, la quale durante il giorno ed in assenza di vento (che ne favorirebbe l’evaporazione) cade al suolo.
Dal punto di vista medicinale la Tamarix ha un organotropismo elettivo per il midollo osseo. Stimola la formazione regolare di piastrine, globuli rossi e globuli bianchi. Viene consigliata in caso di piastrinopenie di origine virale (parotite, rosolia, epatite, mononucleosi) o in seguito ad emorragie.
La Tamerice favorisce l’assorbimento di tutti i minerali come ad esempio il Calcio nelle ossa, il Magnesio, o il Silicio.
L’integratore alimentare di Tamarix gallica si utilizza in tutte le forme di anemia, in caso di deficit di eritrociti, carenza di ferro e ferritina.
In erboristeria si utilizza per riequilibrare le funzioni fisiologiche e la capacità immagazzinante della milza.
Insieme al Ribes nigrum aiuta a contrastare la stanchezza tipica delle sequele della mononucleosi.
Inoltre il gemmoderivato di Tamerice è un rimedio naturale sicuro e privo di controindicazioni. Può essere utilizzato in tutta sicurezza anche dai bambini.

Modalità di Preparazione
Non ci risultano particolari utilizzi per uso alimentare mentre la ricerca si sta interessando sempre di più, per quanto detto prima, al campo farmacologico.
Si può associare il macerato glicerico di Tamarix gallica con integratori che possono sostenerne e facilitare l’azione in casi di anemia e demineralizzazione.
in questi casi esistono in commercio preparati specifici che possono essere assunti tramite acqua o tisane.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.