#295 - 13 novembre 2021
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederà  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Alberi

21 novembre: Giornata Nazionale degli Alberi.
All'Ulivo: albero simbolo d'Italia, che in autunno lascia cadere i suoi frutti,
un dono prezioso per l'uomo

Letter@perta all'Ulivo

di Dante Fasciolo

Dalle rivierasche terre sabbiose
hai adagiato radici, espanso argentea chioma
e rafforzato il contorto tronco con nodi e cavità
per meglio resistere ai venti e alle siccità.
Trasportati dai fenici, i tuoi semi hanno incontrato
liti tra popoli, violenze e soprusi tra uomini…
ma hanno conquistato Siria, Palestina, Egitto
e l’italica Sicilia, ove commerciare prezioso olio
in cambio di rame, argento e oro.
Sempre nuove terre hanno offerto ospitalità
e per mille e mille anni gli uomini hanno saputo
trasformare il tuo frutto con sapienza:
Da sempre il tuo olio condisce e cuoce cibi,
mentre fioche luci da rustiche lampade
illuminano le notti… e i cuori in preghiera,
testimone memoria di remote convivenze umane.
Il tuo legno, duro e resistente,
strigliato da segni ordinati e ammalianti,
racchiude storia e segreti del tempo,
e piega la sua anima all’utile forma delle navi
e degli utensili di ogni giorno operoso.
Al sorgere di una Nuova Era, sei sempre tu,
albero della Pace, ad accompagnare vicende
di un Nuovo Ordine Celeste: saluti il trionfante
ingresso di Gesù in Gerusalemme: raccogli
le sue preghiere e i suoi timori in Getzemani;
rendi stridula la voce del vento
mentre inciampa il condannato per croce;
e sei testimone, infine, e per sempre,
di un segno di redenzione
(l’antico patto di riconciliazione tra Dio e gli uomini
disegnato nell’aria dalla colomba di Noè)
che vale per tutti gli uomini di buona volontà.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.