#102 - 1 settembre 2014
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascerà  il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Editoriale

Lecchini e cecchini

di Dante Fasciolo

Nella sua lettera del sabato pubblicata sul giornale Terza Repubblica,
Enrico Cisnetto usa questi due termini: lecchini e cecchini.
E pur considerando la recente circostanza,
non indicava i tanti che hanno leccato il gelato a Palazzo Chigi,
né i tanti che, con cinismo, si auguravano
che i coni cadessero dalle loro mani.

No, Cisnetto si riferiva al consolidato costume italiano
nel rapporto Politica-Governo:
da una parte gli opportunisti ad oltranza
che plaudono ad ogni soluzione “pur che sia”
(meglio l’uovo oggi che la gallina domani),
e gli scontenti irriducibili che sparano nel silenzio e nel buio
(meglio non cambiare, noi stiamo bene così)
e che uscendo dalle tane mostrano buona volontà affermando che
“è opportuno rimandare perché si può fare di meglio”.

Neanche a dirlo, due posizioni deleterie che si rincorrono da sempre
e da sempre danno vita al fantasmagorico “Teatrino della politica”
denunciato da governanti del recente passato…
mentre assumevano essi stessi
il ruolo di protagonisti principali sul palco.

Una bòtta al cerchio e una alla botte, si potrebbe dire!?…
No, no, due bòtte alla botte:
una stremata Italia in balia dei vizi italioti
coltivati con sapienza dai lecchini, perché beneficiari di opportunità,
somministrati con astuzia dai cecchini comodamente seduti
alla tavola abbondantemente imbandita e rifornita
per quell’elite politica-burocratica-amministrativa
che fanno strame delle risorse con inaudita ferocia.

E nessuno sente, lecchini e cecchini, che il vostro tempo è finito.
Qualcuno bussa alla porta, non per una cortese visita,
parla una lingua diversa, indossa vestiti diversi,
riflessi di uno specchio spezzato che muta fisionomie,
mischia le carte in tavola, pone problemi…
dal nord, dal sud incrociano destini apparentemente diversi
ruvidi e diplomatici, sorridenti e ringhiosi…
i numeri sul pallottoliere economico non tornano...
lecchini e cecchini, è ora di cambiare passo davvero.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.