#295 - 13 novembre 2021
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederà  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Fotografia

Un libro - una mostra

Il mio gran Tour

(Visioni della Città di Roma nel ‘700 e ‘800)

Di Angelo Paionni e Alessia Paionni

(Angelo Paionni)
Sono nato a Roma, luogo che mi ha fornito le prime esperienze e ha motivato i miei pensieri, le mie passioni e ciò che ha ispirato le mie fotografie.

Il mio gran Tour

Roma, con la sua bellezza, la sua storia, la mitologia, tutto ha contribuito a formare un modo di vedere la mia Città.

Il mio gran TourIl mio gran Tour

Essendo appassionato di pittura, di disegno e di grafica, c’è stata nei miei riguardi un’influenza diretta: dipingerla attraverso la luce catturando immagini che ne cogliessero l’atmosfera.

Il mio gran Tour

Ho creduto nella fotografia come arte e tecnica, come modo di esprimere attraverso realizzazioni grafiche ciò che sento e colgo nella realtà.

La tecnica da me voluta per questa serie di fotografie è da collegarsi ad una visione libera e priva di intrusioni di modernità, visione che in epoche passate, non molto lontane, molti artisti e poeti anche stranieri, hanno felicemente assaporato e vissuto.

Il mio gran Tour

Le immagini sono state eseguite nel periodo ottobre 1994 – febbrario 2002 con fotocamere analogiche Contax e Nikon – formato 135, ed utilizzo di pellicole negative bianco-nero Ilford e Kodak.
La tecnica di stampa si avvale dell’uso di carta lavorata a mano (uso acquerello) resa sensibile mediante la stesura di una emulsione (ai sali d’argento) particolarmente trattata.

Il mio gran TourIl mio gran Tour

(Alessia Paionni - Impronte d'Autore).
L’amicizia è una delle emozioni più belle che la vita ci regala. Lei, a sua volta, ci restituisce doni bellissimi e inattesi. Questa mostra, ad esempio, non sarebbe mai stata possibile se quattro artisti, che sono anche grandi amici, non avessero giocato l’uno sulle opere dell’altro con un processo metacreativo che, partendo dalle immagini fotografiche di Angelo Paionni, le fa rinascere a nuova vita.

Il mio gran Tour

I disegni di Maria Zamboni, gli inchiostri di Hamida Sager e le vignette di Lucio Trojano danzano sugli sfondi pittorici di una Roma allo stesso tempo presente e lontana, vera e surreale, per generare inedite emozioni.

Il mio gran Tour

Più che di scrap-booking, tecnica di matrice anglosassone per decorare le pagine dei libri avvalendosi di tecniche varie, in questo caso si tratta di vere e proprie variazioni creative su uno stesso tema, ovvero la riproposizione di un'idea artistica in cui essa subisce però modifiche, più o meno profonde, rispetto alla sua forma originaria, cioè le immagini di Roma contenute nel volume “Roma. Incanto e magia” di Angelo Paionni.

Il mio gran Tour

Se parlassimo di musica, mi verrebbero in mente le trenta monumentali variazioni Goldberg di Johan Sebastian Bach o la dolcissima Fantasia di Ralph Vaughn Williams sul tema inglese di Greensleeves.
Ma c’è di più: queste “impronte d’autore” sono soprattutto un omaggio, che sa anche un po’ di scherzo, che tre amici fanno alle opere di Paionni: aggiungono colori, anche aspri, integrano con elementi disegnati a mano o applicati a collage, ridestando in noi interpretazioni — spesso umoristiche — di scene altrimenti auliche.

Il mio gran Tour

Le nuove tavole mostrano immagini arricchite o stravolte, introducono frammenti di poesia, assumono tratti divertenti oppure cinici, travalicano il messaggio originario di Paionni portandolo molto più lontano, fino a estremi che mai l’artista avrebbe contemplato.

Il mio gran Tour

Questo divertissement non è nuovo nell’arte: si pensi alla Gioconda con baffi e pizzetto del francese Marcel Duchamp, a certi oggetti creati da Salvador Dalì, come il celebre telefono con l’aragosta al posto della cornetta, e alle opere più prosaiche dell’italianissimo Piero Manzoni, tra rosette imbiancate e ricordini inscatolati.

Il mio gran Tour

Il divertimento è sotteso anche agli interventi dei nostri tre artisti sulle foto di Roma, lo si percepisce chiaramente: hanno atteso che l’ispirazione arrivasse guardando le immagini e, appena l’intuizione è giunta — sia subito, in un istante, oppure dopo lunga riflessione — hanno provato a trasferirla sulla carta, ciascuno con il suo personalissimo stile, affrettandosi a realizzare l’idea prima che svanisse dalla mente. Forse il risultato sperato è stato raggiunto al primo tentativo, forse invece è stato necessario provare e riprovare fino a quando l’essenza dell’ispirazione non si è concretizzata sulla carta.

Il mio gran Tour

In tutti i casi, il risultato è un quid novi che nell’insieme risulta superiore alla somma delle sue singole componenti: l’immagine originaria e l’integrazione creativa. Ne scaturisce un prodotto con la natura ambigua dell’opera nell’opera, cioè della creazione al quadrato: tre preziosi “libri d’artista” da sfogliare per vivere l’immaginario e l’immaginato.

Il mio gran Tour

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.