#117 - 26 gennaio 2015
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 settembre, quando lascer il posto al numero 313. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

Il richiamo per un cambiamento inderogabile
verso una buona coscienza sociale

Una rivoluzione necessaria

di Guido Bissanti

Una rivoluzione necessariaUna rivoluzione necessaria

Rendiamocene conto: siamo in uno dei grandi minimi Storici del Paese e della nostra Europa (al momento guardiamo a Casa Nostra); forse il grande minimo di tutti i tempi dopo Cristo.
È inequivocabile il dissesto dei valori che si è creato con una cultura liberista, dei mercati, di un uomo ingranaggio di catena di montaggio, di una moneta senza nemmeno una sovranità europea (io la chiamo: moneta in affitto e con canone carissimo) e di una micropolitica in cui siamo solo i burattini pilotati da Grandi Interessi e da Piccole coscienze.
Questo mio piccolo contributo serve anche a destarci non verso atti rivoluzionari e senza costrutto (dove solo qualche furbo ci guadagnerebbe) ma verso una presa di coscienza nuova (io la chiamo Coscienza Superiore), cioè di una Coscienza che veda i cittadini veri sovrani della loro identità e della loro dignità.

Una rivoluzione necessariaUna rivoluzione necessaria

Siamo in un minimo storico (ancora non è raggiunto) dove:
La cellula familiare è stata stritolata (beati coloro che resistono) da ritmi e interessi inumani;
Il Sapere, grande orgoglio italiano (anche con le sue Università storiche), relegato ad una condizione che ci vede perdere ogni giorno di più il vero patrimonio sociale – Sapere e Coscienza; quello stesso sapere che tradizionalmente nelle arti e nei mestieri si tramandava da padre in figlio e che, con un colpo di spugna, sta cancellando diecimila anni di Storia.
L’agricoltura, praticamente distrutta da un modello scellerato, interessato e degenerato, dettato da Interessi Mondiali e Multinazionali che sovrastano l’Uomo, con le sue necessità ed i suoi bisogni ed in cui Uomo e Territorio stanno franando (anche in senso letterale);
L’artigianato con i propri mestieri e le proprie arti ad un pericolosissimo capolinea in cui diventa sempre più difficile, se non impossibile, tramandare e diffondere quel sapere che era vera ricchezza (che non è solo economica) ai propri figli.

Una rivoluzione necessariaUna rivoluzione necessaria

Senza continuare in questa penosa elencazione, la stessa struttura sociale, costruita con fatica, con il sangue, con l’impegno da centinaia di generazioni, sta crollando sotto i colpi di una derivante non cultura dei mercati e della finanza che sono nemiche dell’Uomo.
Di fronte a questa denuncia, di fronte alla evidenza dei fatti non possiamo più tollerare il nulla, che ci sta intorno, facendo finta che nulla succeda, perché questa è l’ultima e vera guerra che l’Umanità ha di fronte e si vince solo con una presa di posizione chiara, certa, inequivocabile ed inderogabile.

Chiunque: familiare, amico, conoscente o politico di turno che vi voglia convincere che questo è il segno dei tempi nuovi rigettatelo come vostro nemico, perché o parla in nome di una ignorante conoscenza delle dinamiche mondiali (con cui ogni giorno da oggi in poi dovremmo fare i conti) oppure è in mala fede.
Assumete questo atteggiamento: deciso, fermo, garbato, inequivocabile ed allora state pur certi che questa è e sarà la più grande rivoluzione della Storia.
Una buona coscienza sociale a tutti noi.

Una rivoluzione necessariaUna rivoluzione necessaria

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.