#275 - 28 novembre 2020
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 19 marzo, quando lascerà  il posto al numero 282. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fotografia

Per la rubrica "Fotografia" abbiamo scelto gli scatti gentilmente concessi dall'autore Guido Alberto Rossi che bene rappresentano Manarola, uno dei borghi più suggestivi e poetici incastonati nelle Cinque Terre

Manarola

Di Dante Fasciolo - foto di Guido Alberto Rossi

Manarola

Manarola è un paese molto caratteristico, con abitazioni variopinte che si affacciano sulla via principale.

Il borgo di Manarola, il cui nome con tutta probabilità deriva dai termini antichi per indicare la macina del mulino in pietra, si erge sia lungo la costa del Mar Tirreno; la sua struttura si sviluppa attorno al corso, ora coperto, del torrente Groppo; da esso partono una serie di stretti vicoli lastricati in pietra che raggiungono le case sui fianchi del promontorio e degli orti.

Parallelo all’asse principale si snoda il percorso della cosiddetta via di Mezzo, che rivestiva grande importanza nella viabilità del borgo prima della copertura del torrente.

Manarola

Interessante è la presenza, a monte dell’abitato, della piazza in cui sono concentrati gli edifici religiosi. Una curiosità: la piramide in cemento dipinta di bianco che spunta tra le case più alte è un segnale trigonometrico per i naviganti.

Dalla stazione di Manarola parte anche la Via dell’Amore, il famoso sentiero che congiunge il borgo a Riomaggiore.

Corniglia vanta un'antica tradizione vinicola che lo ha reso famoso, le uve dei vigneti della zona producono i conosciuti e rinomati vini: il bianco doc delle Cinque Terre e e il vino dolce tipico locale, lo sciacchetrà.

Manarola

Il santo patrono - San Lorenzo - viene celebrato il 10 di agosto, con una cerimonia durante la quale viene portato in processione a Palaedo per poi esser portato di ritorno alla Marina, dove la statua prosegue il suo cammino verso l'omonima chiesa. La costruzione della chiesa dedicata al santo patrono ebbe inizio nel 1338, come testimoniato da un'incisione sulla pietra. Sopra l'entrata principale di questa chiesa medievale si trova un bellissimo rosone del 1375; il campanile del 14° secolo, con la sua base quadrata, serviva un tempo da edificio per la difesa.

Poco distante, ubicato nella solita piazza della chiesa della Natività della Vergine Maria, si trova l'oratorio quattrocentesco dei Disciplinati della Santissima Annunziata o degli Azzurri; sull'angolo con la strada principale si trova il Lazzaretto, l'antico ospedale di San Rocco.
Tutti gli anni dall' 8 dicembre alla fine di gennaio Manarola si accende con il grande presepe che occupa un'intera collina creato dall'artista Mario Andreoli, ferroviere in pensione. Si tratta del presepe luminoso più grande del mondo: circa 300 personaggi ealizzati con materiali poveri di recupero, distribuiti su 4000 metri quadrati tra i vigneti e illuminato da 15.000 lampadine.

Manarola

La piccola località di Manarola ha i suoi monumenti di interesse storico-artistico da ammirare: il Bastione o Castello. La costa era spesso oggetto delle incursioni dei pirati saraceni ed il castello, edificato come protezione da questi attacchi, divenne ben presto il nucleo dell'antico villaggio. Nonostante alcune parti siano ben conservate ancora oggi, i resti del bastione, risalente al 13° secolo, sono stati parzialmente incorporati nell'edificio moderno arroccato sulla costa che guarda il mare.

Il piccolo e roccioso porto non è solo il luogo di approdo delle barche, ma anche uno dei punti più panoramici da cui ammirare la città e le sue acque molto profonde lo rendono, infine, uno dei luoghi preferiti per i nuotatori più avventurosi ed i tuffatori più coraggiosi!

Manarola

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Blook , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.