#265 - 13 giugno 2020
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascerà  il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Editoriale

Scuola

di Dante Fasciolo

Come di consueto, questo giornale
prende spunto dalle ricorrenti Giornate Mondiali
promulgate dalle Nazioni Unite
al fine di intrecciare notizie e riflessioni.
E’ il caso - tra le altre presenti in pagina –
della Giornata della Giocoleria
che in termini stretti si riferiste alla manipolazione
di oggetti: cerchi, sfere, bastoni, mazze…
ma che prende il via pur sempre dalla parola gioco.

E a questo termine, associandolo alla conoscenza,
si intende dare spazio supportati
dal 150° anniversario di Maria Montessori
e il suo famoso metodo didattico/educativo;
da una grande mostra su Munari e Rodari
indimenticabili “giocolieri” tra i banchi di scuola;
sulle indicazioni della rivista Pepeverde
miniera di letture e di giochi didattici per ragazzi;
sulle estrose immagini di Enrico Benaglia
pittore dell’eterna allegra fanciullezza.
E anche un libro sul gioco…fa parte del gioco.

Dunque, un’antica ma sempre attuale esigenza
si impone alla nostra attenzione:
aggiornare e rendere sempre più aderente
all’evolvere della società e dei suoi bisogni
dando ai cittadini dell’oggi e del prossimo domani
lo strumento per capire sempre più
e conoscere sempre meglio
il ruolo da svolgere nell’ambito della convivenza.

La scuola d’oggi sembra più preoccuparsi
dell’aumento degli insegnanti, giusto!
Sempre più dell’adeguamento salariale, giusto!
Sempre più di riforme organizzative, giusto!
Purtroppo,
sempre meno di riforma dei programmi,
sempre meno di aggiornamenti didattici,
sempre meno di strutture idonee
per un cambiamento civico e sociale
che affondi le radici nella costante conoscenza,
sempre meno attenta alle esperienze virtuose
dei Montessori, Rodari, Munari fino al quel
maltrattato don Milani della scuola di Barbiana.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.