#256 - 8 febbraio 2020
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, quersto numero resterà in rete fino alla mezzanotte del giorno 06 marzo, quan do lascerà il posto al numero 258. ORA per VOI un po' di SATIRA - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Editoriale

La Comunicazione

di Dante Fasciolo

Ne abbiamo parlato poco tempo fa,
ma sento la necessità di parlarne ancora.
In verità basterebbero poche parole,
ma ormai siamo immersi nella palude,
agitiamo le nostre parole, i nostri pensieri,
nelle sabbie mobili della comunicazione
che ama autodefinirsi moderna,
aperta, disponibile al confronto.

La realtà suona un’altra musica,
accordi dissonanti, note sconvenienti,
e gli spartiti sono imbrattati di umori maleodoranti,
di indicibili ed indelebili bugie
che spingono la vigliacca iniezione di veleno
nel tessuto fragile, impreparato,
a volte ingenuo di una società
troppo distratta, troppo presa
dalle quotidiane difficoltà della vita.

C’è chi guida con destrezza questo stupro,
e poco si può fare per arginarne la foga,
ma molto potrebbero fare i cosiddetti media,
cioè i giornali, che si prestano all’inganno
per cercare di arginale la loro caduta libera;
cioè la radio, che nasconde il ghigno mentre
amplifica nefandezze senza pudore;
cioè la televisione che esalta la lite,
la contrapposizione becera, e si fa eco
di insignificanti e superficiali richiami che ammaliano
con spot di poche parole ripetute alla nausea,
capaci di infervorare e armare di odio e vendetta
le periferie culturali, urbane e mentali.

Finte difese di principi,
incapacità nel procedere civile e sociale,
muovono i loro passi con scarponi chiodati
schiere di politici omuncoli padroncini
avvezzi a calpestare incuranti il prossimo,
forti della loro perniciosa
comunicazione al cianuro.

ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà l'amore per il potere, sia avrà la pace (J. Hendrix)