#255 - 25 gennaio 2020
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Iniziative

2020: Anno Internazionale delle Lingue Indigene Il contributo dei missionari comboniani allo studio e alla preservazione delle lingue locali nella loro opera di annuncio del Vangelo

Una mostra bibliografica divisa in sei sezioni: editoria storica, testi, foto, video che mostreremo nei numeri successivi del giornale accompagnandola fino al suo termine di esposizione

Roma - Lingue, Missione, Memoria

Topossa - Giur - Ndogo

Sesta e ultima parte parte - le lingue riconosciute

presentate attraverso testi di missionari e studiosi

Topossa  -  Giur  -  NdogoTopossa  -  Giur  -  Ndogo

I Topossa (o toposa o Tapossa) sono un gruppo etnico del Sud Sudan che vive nella regione del Grander Kapoeta dell’ex stato dell’equatoria orientale.
Hanno vissuto tradizionalmente allevando bovini, ovini e caprini e in passato erano coinvolti nel commercio dell’avorio. Hanno una tradizione di costante guerra di basso livello, di solito raid di bestiame, contro i loro vicini.
I Topossa vivono vicino ai fiumi Singaita e lokalyen, e hanno un centro rituale sul fiume LOyoro.
per il pascolo stagionale migrano a Moruangipi e a volte ad est nel Triangolo di Ilemi. La gente di Topossa vive anche nel sud-est dello stato di Jonglei.

Topossa  -  Giur  -  NdogoTopossa  -  Giur  -  Ndogo

I Giur sono poco più di 100.000 persone. Sono divisi geograficamente in 2 gruppi distinti, vale a dire: Beli e Modo. Sono agricoltori sedentari che praticano la coltivazione a turni. Le loro colture principali sono sorgo, miglio, faggioli, manioca, arachi e simsim. Allevano capre e pecore e pochissimi bovini. Si impegnano nell’agricoltura. si dedicano alla caccia e alla pesca. Il principale potenziale economico della zona sono il legname (mogano), il miele e l’olio di Karité.

Topossa  -  Giur  -  NdogoTopossa  -  Giur  -  Ndogo

Gli Ndogo formano un piccolo ma dominante gruppo dei gruppi Fertit, secondo diversi resoconti.
I loro insediamenti tradizionali sono Buvalo, Ngotongo, Abushakka, Dumbe, Yomo,Fei,Bisellio e Mboro.
Gli Ndogo parlano una lingua molto vicina a quella del Sere, Bai e Bvir, probabilmente quindi di origine comune.
Gli Ndogo sono prevalentemente agricoli organizzati in clan e famiglie patrilineari. I loro più importanti eventi sociali e costumi includono celebrazioni matrimoniali che sono state registrate come impressionanti; i loro riti funebri; riti magici e incantesimi che si legano alle loro credenze tradizionali.

Topossa  -  Giur  -  NdogoTopossa  -  Giur  -  Ndogo

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)