#253 - 21 dicembre 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 10 luglio, quando lascerà  il posto al numero 267. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Pagine Preziose

Alla ricerca di sé

L'anfora

Di Chiara Maggi

Giulia Del Re è una brillante archeologa del DRMA (Dipartimento di Reperti e Manufatti Antichi).
Dedita più che mai al suo lavoro, dopo anni di ricerche, riesce finalmente a riportare alla luce un'antica anfora greca.
Tornata nella sua città d'origine, in attesa dei seguenti scavi, ha l'occasione di incontrare un importante personaggio del suo passato, che la collegherà inevitabilmente al suo immediato futuro.

Tra importanti amicizie, sentimenti travolgenti, un matrimonio e qualche bicchiere di vino, Giulia dovrà trovare il coraggio di vivere la sua storia d'amore, attraverso le sabbie del tempo, passate, presenti e future.
Ma sarà davvero così facile come sembra, o il leggendario mistero che avvolge l'Anfora finirà per coinvolgere anche lei e la sua nuova vita?

Il romanzo è entrato nella Lista di Prima Selezione di Wattys 2018

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più¹ sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà  senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -