#252 - 30 novembre 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

Un albero...per respirare

di Dante Fasciolo

L’idea era quella di arricchire di contenuti
il percorso di educazione alla cittadinanza
attraverso la partecipazione ad una esperienza
che proponesse un' autentica espressione
di cosa è la democrazia.

E cosi, un gruppo di studenti di Torino
hanno chiesto di assistere ad una sessione
dei lavori parlamentari in aula a Montecitorio,
ben pensando che sia quello il luogo più rappresentativo
ove il confronto delle idee e il relativo dibattito
coincide con l’armonia democratica.

Non so se la bagarre vista da tutti noi in TV
abbia più divertito o indignato gli studenti
presenti all’avvenimento,
certamente l’auspicato approfondimento
del loro percorso di educazione alla cittadinanza
è venuto meno; peggio, ha turbato i giovani
iniettando nella loro mente il germe dell’intolleranza,
della contrapposizione furiosa, della sopraffazione,
dell’imposizione di una ragione ad ogni costo…
da servire con violenza nel vuoto di una falsa democrazia.

Questa dura esperienza rimarrà a lungo
nella memoria dei ragazzi torinesi,
ai quali auguriamo incontri ed esperienze positive
perché il futuro sia capace di una vita migliore per tutti.

In questo numero del giornale c’è un invito
rivolto a tutti ma particolarmente ai giovani:
un impegno a “piantare un albero” per ogni abitante
in questa nostra Italia, in questa nostra unica Terra…

Piantare ciascuno un albero…
per respirare... in ogni senso.

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)