#251 - 16 novembre 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

orizzonti

di Dante Fasciolo

Orizzonti Già da troppo si rincorrono sui social
parole e giudizi sprezzanti ed offensivi
contro stranieri e connazionali
e persone che in qualche modo sono apparse
sulla scena delle cronache con nome e cognome,
ma anche anonimi ed entità astratte.

Tra gli ultimi casi, quello della senatrice Segre
fatta segno di ingiurie e dileggio
sia da singoli che da gruppi idealmente organizzati.
La signora Segre non è un nero balotelli qualsiasi,
né un ragazzino nero da mortificare sul campo,
o una donna africana in cinta alla quale negare
un posto a sedere sul bus cittadino.
No, la Segre è una sopravvissuta
ai campi di concentramento nazisti,
la quale non può dimenticare l’orrore vissuto,
la distruzione della sua famiglia,
l’annientamento di milioni di persone
causato dal delirio di un popolo conquistatore.
Non può dimenticare, ma non vuole odiare;
vorrebbe raccontare e aiutare i giovani
che di quella tragedia non sanno,
o fanno finta di non sapere…per codardia.

«Prima di tutto vennero a prendere gli zingari,
e fui contento, perché rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto,
perché mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti,
e io non dissi niente, perché non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare»

Sono parole del pastore Martin Niemoller,
di un secolo fa, ma di grande attualità:
“spianiamo con le ruspe i campi rom”;
e facilonerosi entrano in azione
con parole irripetibili e gesti inconsulti;
“prima gli italiani,”
e si negano libertà, giustizia e legalità.
Ora ha il sopravvento l’antisemitismo
e in molti si sforzano di accreditare l’idea
che il “fascismo” è un’invenzione…
A leggere le decine di migliaia di post sui social
c’è da aver paura,
Ascoltando i proclami politici e leggere
le squallide vicende squadriste quotidiane
c’è da rabbrividire…
e all’orizzonte una Italia e una Europa
con pericolosi rigurgiti fascio-nazisti…
forse non c’è rimasto più nessuno a protestare.

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)