#248 - 4 ottobre 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Ambiente

Una battaglia sostenuta dalla rivista Nigrizia

Giovani, l'acqua al primo posto

di Alex Zanotelli

Giovani, l'acqua al primo postoGiovani, l'acqua al primo posto

L’acqua potabile sarà la vittima dei cambiamenti climatici in arrivo.
Infatti con il surriscaldamento del Pianeta avremo lo scioglimento dei ghiacciai e dei nevai e sempre meno piogge, per cui avremo sempre meno acqua potabile a disposizione.
L’acqua è già oggi scarsa. Infatti solo il 3% dell’acqua che c’è oggi nel mondo è potabile.
Di questa il 2,70% è usata dall’agricoltura e dall’industria, in mano ai ricchi del mondo. Ciò significa che ben poco resta per gli impoveriti della terra (la maggioranza!). Già oggi una persona su tre non ha accesso all’acqua e quattro miliardi di persone non hanno accesso ai servizi sanitari ed igienici. Il potere economico-finanziario ha già fiutato che l’acqua è “l’oro blu” del futuro che spiazzerà “l’oro nero”. Ecco la nascita delle grandi multinazionali dell’acqua (Veolia,Suez..) che stanno mettendo le mani su gran parte dell’acqua del Pianeta facendo lauti guadagni. Se l’acqua diventerà una merce e fonte di lucro, questo significherà la morte di milioni di persone. Se oggi uccidiamo per fame 20-30 milioni di persone all’anno, domani, se l’acqua diventerà merce, avremo cento milioni di morti di sete. Per questo Papa Francesco, nell’enciclica Laudato Sì è così lapidario :”L’accesso all’acqua potabile e sicura è un diritto umano, essenziale, fondamentale e universale perché determina la sopravvivenza delle persone e per questo è condizione per l’esercizio degli altri diritti umani.”(30) Questo il popolo italiano lo ha espresso nel Referendum del 2011 che ha sancito due punti fondamentali : l’acqua deve uscire dal mercato e non si può fare profitto su questo bene così prezioso.

Giovani, l'acqua al primo postoGiovani, l'acqua al primo posto

Purtroppo tutti i governi , che da allora si sono succeduti in questo paese(centro-destra, centro –sinistra e giallo-verde) non hanno recepito questa decisione del popolo italiano. Né i vari Presidenti della Repubblica hanno mai richiamato i rispettivi parlamenti a tradurre in legge il Referendum.
L’ultimo governo giallo-verde(Cinque Stelle-Lega) aveva posto la ripubblicizzazione dell’acqua come primo punto del ‘Contratto’ di governo. Lo stesso Presidente della Camera, R. Fico, aveva convocato in Parlamento il Forum italiano dei movimenti per l’acqua ed aveva detto che legava la sua Presidenza alla ripubblicizzazione dell’acqua. Ed invece, non abbiamo ottenuto nulla.
Ora siamo davanti a un nuovo governo giallo-rosso(Cinque Stelle-PD). Sarà la volta buona? Non sarà di certo un’operazione facile. Toccherà a noi dal basso premere sul governo perché obbedisca a quello che ventisei milioni di italiani hanno già deciso. La grande obiezione che pongono i poteri forti contro la ripubblicizzazione è il costo dell’operazione:venti-trenta miliardi di euro! I nostri esperti invece hanno dimostrato che la ripubblicizzazione dell’acqua potrebbe essere fatta con meno di due miliardi di euro come si può approfondire nel testo Il costo della ripubblicizzazione del servizio idrico integrato del Forum Italiano dei movimenti per l’acqua. Per questo chiedo a tutte le realtà di base impegnate per la gestione pubblica dell’acqua perché si mobilitino di nuovo per forzare questo governo a votare la Legge di iniziativa popolare che è già pronta in Commissione Ambiente.

Giovani, l'acqua al primo postoGiovani, l'acqua al primo posto

Chiedo soprattutto ai giovani impegnati nel grande movimento Fridays for Future di mettere anche l’acqua fra le loro priorità perché sarà la prima grande vittima dei cambiamenti climatici.
Gli studenti scesi in piazza il 27 settembre, Giornata mondiale dello sciopero scolastico, indetto da Greta Thunberg, chiedano con forza anche la gestione pubblica dell’acqua nel nostro paese. Questi giovanissimi, che scendono in piazza gridando con Greta:”Non vi permetteremo di farla franca. Qui, ora, noi diciamo basta!”, fanno vergognare noi adulti che non riusciamo più a urlare, a gridare, a pretendere i nostri diritti. Noi adulti prendiamo esempio da questi giovani per forzare il governo giallo-rosso a ripubblicizzare l’acqua in questo paese.Sarebbe uno straordinario esempio per l’Europa e per il mondo. L’acqua è la madre di tutta la vita su questo pianeta.
Impegnarsi in difesa di ‘sorella acqua’ significa impegnarsi per salvare il Pianeta.

Giovani, l'acqua al primo postoGiovani, l'acqua al primo posto

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)