#246 - 20 settembre 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

A margine dell'Anno Internazionale delle Lingue Indigene promulgato dalle Nazioni Unite
e in occasione della Giornata Europea delle lingue autoctone: 26 settembre 2019

Preghiera in cammino

Nkai Ai

In riferimento alle lingue autoctone, non si può non pensare all'esodo di intere popolazioni di tutto il mondo costrette a lasciare i loro paesi d'origine - per passione o per bisogno - e l'impatto tra le diverse espressioni linguistiche di nuove comunità e nuovi territori, e l'ineludibilità di un incontro, considerando ormai un'interconnessione totale tra Nazioni, Stati, Territori e uomini che vi operano.
In questo senso, forse non è azzardato pensare che poche lontane parole, eco delle preghiere dei villaggi delle nazioni del centro Africa, accompagnino oggi i pesanti passi di uomini armati di indomita speranza oltre i confini visibili e invisibili eretti da altri uomini armati, da secoli, di insaziabile egemonia.

Preghiera in cammino

Mikitanapa Nkai - - - - - - - - - - Che Dio ti sostenga
tidirai - - - - - - - - - - - - - - - - - - -sali
laur le Nkai - - - - - - - - - - - - - - sul cammello di Dio
lemeibelibel - - - - - - - - - - - - - -che non oscilla
mikiteshepa Nkai - - - - - - - - - - che Dio ti accompagni
tee mbat pokira are - - - - - - - - -a destra e a sinistra
mikitiriko te kwe - - - - - - - - - - - ti conduca avanti
todolisho - - - - - - - - - - - - - - - -guarda
nimikidoli - - - - - - - - - - - - - - - -senza essere veduto
miking'opa mikitipika - - - - - - - che ti nasconda e ti metta
ng'oji enye nemesimis - - - - - - -nel suo luogo segreto
nimikodolierki- - - - - - - - - - - - - invisibile
tapanai serian - - - - - - - - - - - - trova la salvezza
kesipa ltau - - - - - - - - - - - - - - -è sincero il cuore
e nkera - - - - - - - - - - - - - - - - -dei bambini
onoo ntomonok - - - - - - - - - - - e delle madri
o noo swom - - - - - - - - - - - - - -e del bestiame
teperie munyani - - - - - - - - - - -riposa tranquillo
te nkop nilo - - - - - - - - - - - - - - nella terra dove andrai
namunyak - - - - - - - - - - - - - - -benedetta
nimishuk murt - - - - - - - - - - - - non piegare il capo
Etejo Nkai ayia - - - - - - - - - - - -Dio disse: "va bene".

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)