#238 - 13 aprile 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 aprile, quando lascerà il posto al numero 261. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non s ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Arte

Roma - Galleria Edieuropa

Abstracta

Focus sulla Street Art

Un interessante incontro con Sten Lex, a cura di Raffaella Bozzini, Giancarlo Carpi e Giuseppe Stagnitta, ha avuto luogo nell’ambito della mostra “Abstracta" - Focus sulla Street Art”, sabato 13 aprile presso la Galleria Edieuropa.
Incontrare Sten Lex , tra i più noti ed apprezzati artisti della scena italiana, con “In and out" costituisce rara occasione per ammirare alcune delle loro opere più recenti. Gli artisti hanno parlato del proprio percorso dalle origini ad oggi ed affrontato il tema degli stilemi astratti nell’arte pubblica che, in questo momento storico, esprime uno spostamento concettuale e di obiettivi rispetto alla collocazione originaria, riattivando una dialettica tra “museo” e “strada” ormai centenaria.
Una rivoluzione copernicana che si è trasformata in Arte Pubblica, lontana dalle idee iniziali della Street Art e che si avvicina sempre di più a quell’architettura che nobilita la città dal basso e che si esprime nello spazio esterno attraverso la sua immagine, resa comunicazione.

AbstractaAbstracta

Il progetto “Abstracta”, curato da Raffaella Bozzini, Giancarlo Carpi e Giuseppe Stagnitta, iniziato al Museo Gagliardi di Noto nel giugno 2018, documenta il percorso innovativo dell’Astrattismo italiano e, dopo la giornata di studi che si è tenuta al Museo MACRO di Roma lo scorso 9 dicembre, vive una nuova fase di approfondimento sulla Street Art all’interno della galleria.

AbstractaAbstracta

La Galleria Edieuropa, impegnata sin dagli anni Sessanta sulla ricerca dell’arte astratta, a partire dai primi anni 2000, si è dedicata anche alla promozione dell’Arte Urbana, dando il via al progetto “Urban Arena” nel maggio 2012 - a cura di Bartolomeo Pietromarchi - con Bros, realizzando l’installazione per la fontana della terrazza del Museo MACRO di Roma e, nel mese di ottobre, l’intervento site specifc di Ozmo, sulla parete antistante il Museo. Alla medesima iniziativa ha preso parte anche Sten Lex, con la realizzazione di un’opera sulla facciata esterna del Macro.

AbstractaAbstracta

La mostra AbstractaFocus sulla Street Art dai precursori Futuristi sino agli ultimi esperimenti di Street Art, descrive l’evoluzione dell’Astrattismo italiano, che nasce con i primi esperimenti di Giacomo Balla e mette a confronto gli artisti storici Carla Accardi, Afro, Getulio Alviani e Piero Sadun, con l’astrazione della nuova generazione, attraverso i lavori di Alberonero, Bros, CT, Guè, Ligama, Moneyless, Montanino, 2501, Tellas, 108 e Sten Lex , è prolungata fino al 4 maggio 2019.

Abstracta

Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria ( Nicolò Tommaseo) - Noi abbiamo una sola vita: se anche avessi fortuna, se anche raggiungessi la gloria, di certo sentirei di aver perduto la mia, se per un solo giorno smettessi di contemplare l'universo ( Marguerite Yourcenar) - Nel teatro la parola è doppiament glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello (Pier Paolo Pasolini) - Con la costanza e con la perseveranza si arriva tutti ai grandi risultati attesi, che corrispondono non tanto alle vittorie in sé, quanto piuttosto alla progressiva scoperta dei nostri limiti (Gabriella Dorio) - La libertà dell'uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole: essa non dipende da vittorie esterne, ma interne (Paramhansa Yogananda).