#238 - 13 aprile 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
turismo tempo libero

Iniziativa del Club Alpino Italiano

Nuove Dolomiti

Nuove Dolomiti

Un nuovo sentiero attraversa le nuove Dolomiti.
Nuove Dolomiti? Il riferimento è ad un nuovo sentiero, ma anche in questo caso sorge spontanea la domanda: un nuovo percorso?
Si tratta dell'area occidentale che fa capo alla principale elevazione del Monte Cridola, più esattamente del periferico Nodo di Scodavacca. Dolomiti “nuove” perchè la conoscenza di questo gruppo è limitata e la frequentazione ridotta, riservata per lo più a pochi amatori, principalmente cadorini e bellunesi. Un nuovo percorso perchè il lato meridionale è stato ignorato dall'escursionismo ufficiale.

Nuove DolomitiNuove Dolomiti

Su iniziativa della locale Sezione CAI di Domegge di Cadore, viene oggi proposta questa attraversata che, partendo dal Lago di Centro Cadore, passa dal Rifugio Casera Cercenà, dalla Baita Sociale dedicata a Natale Da Deppo, risale il Cadin di Montanel e, guadagnato il lato meridionale del Gruppo del Cridola, ricalca una sequenza di cenge erbose e rocciose che raggiungono l'ampio valico di Forcella Scodavacca.
Il rientro avviene, in direzione del punto di partenza, dal noto Rifugio Padova nell'alta Val Talagona.

Nuove DolomitiNuove Dolomiti

L'idea è nata nel 2017, anno in cui la Sezione CAI territoriale festeggiava il 50° anniversario dalla fondazione, e viene inaugurato nell'estate 2019, quando compie il 40° compleanno la Baita Sociale al Montanel. Così nasce il Sentiero Alpinistico del 50esimo CAI Domegge, itinerario naturale, ad anello, splendidamente panoramico. I primi a percorrerlo, a singoli tratti, sono stati camosci, cacciatori e pionieri dell'alpinismo, in questa sequenza temporale, escludendo non per assenza di memoria, chi l'ha frequentato nella parte bassa per lavoro, allevatori, contadini e boscaioli.

Nuove DolomitiNuove Dolomiti

I selvatici attraversano, ancora oggi, in quota, i catini ghiaiosi negli spostamenti giornalieri e stagionali ed erano, ai tempi della caccia non sportiva, seguiti dai cacciatori che, disinteressati alle salite verticali verso le cime, modellavano il territorio per le proprie esigenze.
Lo attestano i passaggi tra i mughi e le numerose grotte-rifugio scopribili attorno a tutto il Nodo di Scodavacca a partire dal conosciuto Montanel. Lo testimonia ulteriormente, all'inizio delle cengie meridionali, il panoramico Col de l'Utìa interamente addomesticato per l'appostamento. Utia è antica denominazione ladina di luogo atto al ricovero per cacciatori, toponimo testimoniato in altre aree sia cadorine sia della Val Badia.

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)