#234 - 19 gennaio 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
conoscenza

Messer Boccaccio e la magia del racconto. Una scelta di altissimo livello culturale.
Il Decamerone ci parla ancora oggi della vita quotidiana, tra grandezze e miserie.
Con le splendide immagini di Alberto Ruggeri - Edizioni Conoscenza

Torna l'annuale edizione del diario della FLC CGIL

Conoscenda 2019

Il capolavoro di Giovanni Boccaccio, il Decameron, è il tema e colonna portante della Conoscenda 2019, l’agenda della FLC CGIL e della casa editrice Edizioni Conoscenza.

Conoscenda 2019Conoscenda 2019

La raccolta di novelle scritta tra il 1349 e il 1353, raccontata in dieci giorni da un gruppo di giovani rifugiatosi in campagna per sfuggire all’epidemia di peste, prende forma tra le illustrazioni di Alberto Ruggieri, che per ognuno dei dodici mesi del 2019, sceglie e disegna un tema tratto dall’opera con un tratto ironico e dissacrante.

Conoscenda 2019Conoscenda 2019

Citazioni e passi tratti dalle cento novelle si susseguono lungo le pagine, all’interno di un’agenda pratica e culturale insieme, che, come ogni anno, contiene al suo interno i servizi dedicati agli iscritti, i contatti delle strutture territoriali della FLC CGIL, oltre che proposte e spunti per la didattica e la ricerca.

Settembre appena cominciato inaugura un anno importante per la Federazione Lavoratori della Conoscenza, denso di iniziative, impegni e proposte politiche e culturali.

Conoscenda 2019Conoscenda 2019

Il segretario generale della FLC CGIL Francesco Sinopoli evidenzia ciò nel testo introduttivo della Conoscenda ’19: “La vita è così, sembra dirci Boccaccio, aspiriamo sempre a qualcosa di più di quello che abbiamo, al nuovo se è nuovo davvero. Forse è per questo che quando pensiamo al lavoro e ai risultati ottenuti nel 2018 pensiamo subito alle nuove importanti prospettive che si aprono per il 2019. […] Abbiamo il grande obiettivo ideale di costruire un alfabeto nuovo – il mondo è cambiato intorno a noi, anzi è in continuo cambiamento – della discussione nei luoghi di lavoro, collegando la dimensione politica a quella professionale e culturale”.

Conoscenda 2019

                          commerciale@edizioniconoscenza.it.
AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)