#206 - 18 novembre 2017
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 03 febbraio, quando lascerà  il posto al numero 323. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

Bullismi

di Dante Fasciolo

Da troppo tempo ormai si legge
nelle cronache cittadine del paese
di episodi di bullismo tra i giovani
siano studenti o perdigiorno malavitosi;
e da troppo tempo leggiamo di scarsa risposta
da parte delle autorità preposte alla vigilanza.

Il bullismo, si sa, inizia con qualche scherzo
e presto si trasforma in atti di vera violenza,
spesso in autentiche tragedie
ampliate e stigmatizzate dalla stampa
e dai più incisivi mezzi di comunicazione visiva
che non risparmiano dettagli raccapriccianti.

La leggerezza con cui l’opinione pubblica accoglie
quotidianamente episodi riprovevoli
va di pari passo ad una forma di assuefazione,
e limita la propria reazione al singolo episodio
poiché subito altro si affaccia alle cronache
e uno più uno più uno, ecco cancellata la memoria.

Ma altri tipi di bullismo
vengono presto cancellati dalla memoria collettiva
e sono quegli che iniziano con le sottili truffe,
con atti di prepotenza, intimidazioni, ricatti…
gravi perché toccano spesso interessi economici
di singoli e di famiglie.

Gravi perché vengono messi in atto da persone,
i cosiddetti colletti bianchi,
che abusano del loro potere e beffeggiano
l’ignaro e disarmato popolo,
facendosi forte spesso della diffusa immunità
ratificata da una troppo lenta giustizia.

Il coperchio a tutti i bullismi possibili
sono possibili perché a monte c’è un bullismo
che da amministrativo diventa politico
e nutre se stesso e riverbera a sua volta i bullismi
sfacciatamente presenti nelle posizioni
tattiche o strategiche, comunque devastanti,
di una politica che contraddice se stessa
con azioni di bullismo politicante.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.