#185 - 4 marzo 2017
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
turismo

Mozambico

Insolita Maputo

Luoghi da non perdere

Insolita MaputoInsolita Maputo

Se avete in programma un viaggio in Mozambico – la destinazione africana più “cool” del momento – prima di rilassarvi sulle sue spiagge paradisiache, vi consigliamo di concedervi una mezza giornata di visita culturale a Mafalala, storico quartiere della capitale Maputo: il bairro dove erano segregati gli indigeni durante il colonialismo portoghese.

Insolita MaputoInsolita Maputo

Ad accompagnarvi in questo microcosmo di case in lamiere e vicoli brulicanti di gente ci penserà Ivan Laranjeira, un ragazzo sveglio e intraprendente, diplomatosi in scienze turistiche, animatore dell’Associazione Iverca che in questo quartiere organizza attività sociali e culturali.
Ogni sabato Ivan pianifica delle visite guidate per piccoli gruppi di visitatori, in gran parte stranieri, interessati a scoprire un Mozambico insolito e sorprendente.

Insolita MaputoInsolita Maputo

A Mafala, infatti, sono nati e hanno vissuto grandi personalità – oggi scomparse – che hanno fatto la storia del Paese: Samora Machel, ex leader del movimento liberazione e primo presidente del Mozambico indipendente.
José João Craveirinha, scrittore e giornalista, considerato il maggior poeta mozambicano.
Eusébio da Silva Ferreira, gloriosa stella del Benfica, ritenuto (assieme a Cristiano Ronaldo) il calciatore “portoghese” più forte della storia.

Insolita MaputoInsolita Maputo

Ivan mostra le povere case in cui sono cresciute le celebrità di Mafalala, svelando aneddoti delle loro biografie.
Non solo: invita i turisti a visitare una scuola del quartiere e il laboratorio di un guaritore tradizionale.
La visita si conclude con le danze coreografiche di un gruppo di donne originarie de l’Ilha de Moçambique.
Tutto molto bello, interessante, autentico.
Un tour di tre ore costa circa 20 euro, e li vale tutti.

Insolita MaputoInsolita Maputo

                   info  ivan@iverca.org – www.iverca.org
AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)