#185 - 4 marzo 2017
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascer il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo cos alto da giustificare metodi cos indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il pi piccolo degli animali una delle pi nobili virt che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuer a massacrare gli animali non conoscer ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo il pi crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Il disagio

Rapporto Unicef

Viaggio mortale

Mediterraneo e i migranti bambini, la rotta dell’inferno

Rapporto Unicef. Il Mediterraneo rotta infernale per i minori. I più piccoli sono la categoria più a rischio: abusati e vittime di violenze di ogni genere.
I ‘buchi infernale’ in Libia e le bestialità consentite.
Ogni giorno in Italia scompaiono 28 migranti di minore età, dissolvendosi nel nulla.
Per loro, rischio di sfruttamento criminale schiavista e sfruttamento sessuale.

Viaggio mortaleViaggio mortale

«Un viaggio mortale per i bambini» ha come titolo il Rapporto Unicef che da solo dice tutto.
L’organizzazione Onu per la protezione dell’infanzia lancia l’allerta che è grido d’orrore. Ci avverte, così che quando accadrà qualcosa di talmente orrendo da rompere il silenzio, non potremo più far finta di stupirci, dirci che non ne sapevamo nulla. La situazione dei minori non accompagnati che dall’Africa arrivano in Europa lungo la rotta del Mediterraneo centrale, abusati lungo il percorso e vittime di violenze di ogni genere.

L’inferno Libia - E a proposito dei recenti accordi tra Italia e Libia per frenare l’afflusso di migranti verso il nostro Paese, un dato da mettere da oggi in conto. L’Unicef, tra gli altri elementi di denuncia, mette in guardia sulle condizioni nei centri di detenzione in Libia, 34 in tutto quelli identificati, 24 gestiti dal governo e 10 dalle milizie. Dove i migranti che vogliono tentare la traversata verso l’Europa, o i pochi respinti, vengono ammassati dalle autorità e sopratutto dalle bande criminali libiche che gestiscono quei traffici.

Viaggio mortaleViaggio mortale

Crudeltà senza limiti - L’organizzazione spiega di avere accesso a meno della metà dei centri che dipendono dal Dipartimento di governo per la lotta alla Migrazione illegale, quindi la realtà complessiva può essere anche peggio.
«In questi luoghi dove la violenza è all’ordine del giorno, mancano cibo, abiti, coperte, ed i migranti, compresi i minori sono trattenuti a gruppi di 20 in celle di due metri quadri».
Ancora peggiore la situazione nei campi gestiti dalle milizie. A questi l’Unicef non ha accesso ma sulla base di relazioni di altre agenzie o missioni dell’Onu vengono definiti ‘buchi infernali’, spesso luoghi di lavoro forzato, dove la tortura è una pratica comune.

Sempre più minori soli - Nella relazione si ricorda che dei 181.436 migranti e profughi arrivati in Italia nel 2016, 28.223, ovvero il 16% circa, sono minori, e 9 su 10 di questi sono arrivati sulle coste italiane non accompagnati.
Inoltre, dei 4.579 migranti che nel 2016 si stima siano morti durante la traversata del Mediterraneo, si ritiene che 700 fossero minori.
E dei 256mila migranti individuati dall’Unhcr in Libia a settembre 2016 (ma le stime dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni ritengono che il numero sia tre volte tanto) 28.031 sono donne (11%) e 23.102 (9%) minori, un terzo di questi si ritiene non siano accompagnati.

Viaggio mortaleViaggio mortale

Da dove arrivano, perché scompaiono - Ogni giorno in Italia scompaiono 28 migranti di minore età, dissolvendosi nel nulla.
Oxfam Italia ha pubblicato il rapporto ‘Speranze alla deriva. Human Rights Watch denuncia la condizione inumane in cui i minori rifugiati vivono in Grecia.
Secondo Oxfam il numero dei migranti e richiedenti asilo di minore età in Italia nel 2016 è raddoppiato rispetto all’anno precedente e sono principalmente egiziani, somali ed eritrei. Sempre più bambini stanno attraversando i confini per conto proprio. Nel 2015, oltre 100mila i minori non accompagnati hanno chiesto asilo in 78 paesi.
I minori non accompagnati sono tra quelli a più alto rischio di sfruttamento schiavista e abuso sessuale da parte delle organizzazioni criminali.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.