#162 - 11 luglio 2016
AAAAA ATTENZIONE Cari lettori questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte del 7 febbraio quando lascerà il posto al n° 256. BUONA LETTURA - ora: AMICI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà a massacrare gli animali non conoscerà ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Arte

Avvalendosi di tecniche proprie di tutte le arti

Espressioni di grande valore creativo

Sinestetica di Giuseppe Cocco

L'esperienza di foto-acquarello

di Carlo Marraffa

Fotografia è scrivere con la luce, e scrivere permette di narrare la realtà filtrata attraverso la sensibilità informata dalla cultura dell'artista. Testimone oculare, Giuseppe Cocco osserva, contempla, medita, sceglie, estrapola,si sofferma, racconta ciò che più lo colpisce, coinvolge, emoziona.

Architetture, luoghi, paesaggi sensibili urbani naturali rurali antropizzati, agricoltura; gli parlano, si mettono in posa, attraggono la sua attenzione, perché possa raccontarli assieme agli esseri viventi e vitali, persone ed animali, attraverso particolari, scorci, primi piani e piani lunghi.

Sinestetica di Giuseppe CoccoSinestetica di Giuseppe Cocco

Informato ed interessato a tutte le arti, il suo stile narrativo, ha sempre ricercato il miglior modo di restituire in maniera sinestetica, le suggestioni e le emozioni provocate dalla bellezza e dai suoi soggetti. Amante dell’arte pittorica e fotografica, oggi, grazie ai mezzi di elaborazione e manipolazione offerti dalle nuove tecnologie digitali, Visual Digital Artist 2.0 Italia Storyteller, con 5 sensi + cuore e mente, macchina fotografica al collo, computer online, Cocco narra con la fotografia prima, e con l'arte foto-grafica pittorica digitale poi, bellezza, identità materiali e immateriali, atmosfere, dell'Italia minore con la M maiuscola, grande giardino emozionale diffuso; poi lo diffonde sul suo sito, i social network (Twitter, Facebook, Google+, Pinterest) e attraverso mostre sui luoghi rappresentati.

Pur nella capacità di restituire i particolari, propria della fotografia, nel suo procedere artistico, parte dallo scatto fotografico emozionale, tornando alla tecnica impressionista per cogliere en plein air, non tanto i particolari, quanto impressioni ed emozioni date da forme, volumi, luci, ombre, contrasti, colori e sfumature creati dalla luce naturale, e restituiti attraverso pennellate elettroniche.

Sinestetica di Giuseppe CoccoSinestetica di Giuseppe Cocco

Appassionato del paesaggio urbano e naturale italiano, del mondo rurale, nel solco dell'arte italiana, si ispira alla pittura dei macchiaioli, di Segantini, Canaletto, Boldini, Bellotto, Guardi.
Così, come agli inizi l'arte ha inseguito la fotografia, oggi, nell'epoca dell'overdose di immagini senza qualità, la sua intenzione è distinguersi dalla massa, riutilizzando e trasformando l'impressionismo fotografico in pittorico.

Sinestetica di Giuseppe CoccoSinestetica di Giuseppe Cocco

La Fotografia è una tecnica grafica a stampa che nel 1839 sostituì la litografa per le illustrazioni utilizzate nei giornali e, al contempo, ispirò i pittori impressionisti nella tecnica en plein air attenta a cogliere scene di luce e colore.
Pertanto, con la ritrovata tecnica pittorica, Cocco racconta luci e colori, ora più scuri ora più chiari e delicati, che regolo in base alla scelta delle opzioni e dei parametri offerti dai software scelti per l’elaborazione delle fotografie. In assenza di segni e confini, segni e colori formano masse e volumi, onirici, sfumati ed evanescenti.

Sinestetica di Giuseppe CoccoSinestetica di Giuseppe Cocco

Analogamente alla maggiore o minore diluizione dei colori in acqua, l’acquerello digitale, al fine di restituire interpretare creare ciò che si sente ed intuisce, estrapola e restituisce le armonie e i contrappunti dei colori e della luce che colpisce i soggetti che formano la scena; il progetto è analogo, fissare colori che diano forma al reale interpretato; la differenza è nel procedere: nell’uso dei pennelli imbevuti nei colori, si aggiungono via via colori sfumature trasparenze sulla carta, mentre nel digitale, i soggetti e la scena sono già contenuti dalla carta ed attraverso la tecnica del togliere e levare, vengono liberati dall’eccesso d’informazioni, apparendo dal bianco del fondo, come appariva l’immagine latente durante lo sviluppo in camera oscura.

Sinestetica di Giuseppe CoccoSinestetica di Giuseppe Cocco

Giuseppe Cocco ama il realismo figurativo, un'arte pacata, non strillata, non rivoluzionaria, nel senso richiesto all’arte contemporanea, sempre alla ricerca del prodotto artistico strano, nuovo, innovativo.

Sinestetica di Giuseppe Cocco

AFORISMI - : Chiedere al potere di riformare il potere...Che Ingenuità (Giordano Bruno) - L'Esperienza è il tipo di insegnante più difficile : prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione (O. Wilde) - I fanciulli trovano il tutto anche nel niente, gli uomini il niente nel tutto (G. Leopardi) - E' dell'inferno dei poveri che è fatto il paradiso dei ricchi (V. Hugo) - Il senso morale di una società, si misura da ciò che fa per i propri bambini (D: Bonhoeffer) - Nessun uomo è tanto alto come colui che si inchina per aiutare un altro essere vivente (A. Lincoln) - Il mondo cambia con il tuo esempio, non con la tua opinione (P. Coelho) - Con la violenza puoi uccidere colui che odia, ma non uccidi l'odio (M. L. King).