#145 - 18 gennaio 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 aprile, quando lascerà il posto al numero 261. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non s ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Pagine Preziose

Le mie vite allo specchio

Diari 1947 - 1997
Gian Luigi Rondi - Sabinae Edizioni

Le mie vite allo specchio. Diari 1947-1997 è il testo di Gian Luigi Rondi, uno dei protagonisti della critica cinematografica e della politica culturale del Novecento, che svela i retroscena della sua vita e della sua attività professionale: cinquant’anni di diari, annotazioni e analisi di quella che certamente è una esperienza personale e intima, ma attraverso il racconto e la storia diventa la narrazione privilegiata della società, della politica, della cultura e del cinema dal dopoguerra agli ultimi anni del secolo passato.

Gli artisti e i politici, le dive e i sacerdoti, i premi e i festival in cinquant’anni di storia italiana.

Accompagnato da una lettera del Presidente Emerito della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, il testo sarà presentato alla *Biblioteca Angelica di Roma il 3 febbraio, accolto dal direttore della Biblioteca - Fiammetta Terlizzi che introdurrà il direttore generale Biblioteche e Istituti culturali - Rossana Rummo. Saranno presenti, insieme all'autore: Piera Detassis, Emmanuele F.M. Emanuele, Carla Fendi, Gianni Letta.

Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria ( Nicolò Tommaseo) - Noi abbiamo una sola vita: se anche avessi fortuna, se anche raggiungessi la gloria, di certo sentirei di aver perduto la mia, se per un solo giorno smettessi di contemplare l'universo ( Marguerite Yourcenar) - Nel teatro la parola è doppiament glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello (Pier Paolo Pasolini) - Con la costanza e con la perseveranza si arriva tutti ai grandi risultati attesi, che corrispondono non tanto alle vittorie in sé, quanto piuttosto alla progressiva scoperta dei nostri limiti (Gabriella Dorio) - La libertà dell'uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole: essa non dipende da vittorie esterne, ma interne (Paramhansa Yogananda).