#142 - 30 novembre 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 aprile, quando lascerà il posto al numero 261. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non s ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
comunicazione

La Conferenza Mondiale sul Clima di Parigi
al centro del Forum Internazionale dell'informazione di Rieti

Clima ultima chiamata

Un punto di svolta nella politica, nell'economia e nella finanza”.

Clima ultima chiamataClima ultima chiamata

“A Parigi non si va per risolvere gli equilibri politici dei singoli Stati, per decidere le sorti di qualche governo o orientare future elezioni politiche; a Parigi si decide, come fu 250 anni fa, il futuro dell’umanità. L'auspicio è che la COP21 segni un punto di svolta nelle relazioni internazionali, nella politica, nell'economia e nella finanza”.
È l'appello che l'economista Andrea Masullo, presidente del Comitato scientifico dell'associazione Greenaccord, ha pronunciato in chiusura del XII Forum intenazionale dell'Informazione per la Salvaguardia della Natura, che per tre giorni ha riunito a Rieti decine di giornalisti specializzati in tematiche ambientali per ascoltare le relazioni di economisti, climatologi, fisici ed esperti di sostenibilità. Tanti contributi per un unico filo conduttore: Clima, ultima chiamata.

Clima ultima chiamataClima ultima chiamata

E la profonda preoccupazione espressa dal mondo scientifico ha trovato ampio spazio nelle conclusioni di Masullo: “Se la cintura esplosiva dei terroristi ci fa paura perché può ucciderci in un istante non dimostriamo la stessa capacità reattiva di fronte ai cambiamenti climatici che producono sull’umanità effetti comparabili a centinaia di bombe atomiche che esplodono al rallentatore. Noi le stiamo sganciando, ma gli effetti ricadranno sui nostri figli, nipoti e pronipoti.
È questa la realtà che ci è stata dipinta da alcuni fra i migliori scienziati del mondo.” ha osservato Masullo. “Se oggi 1 miliardo di persone non ha accesso ad acque potabili sicure nel 2025, ciò sarà la realtà di 2,5 miliardi di persone. Se è vero che la civiltà si è sviluppata grazie agli ultimi 11.000 anni di stabilità climatica, ciò che sta accadendo al clima rischia di segnare la fine della civiltà entro 200-300 anni.Grandi scienziati ci hanno ammonito che la scienza non è la quintessenza della ragione, che non tutto ciò che è possibile fare è bene farlo, che la potenza dei suoi prodotti tecnologici, se non orientata eticamente anziché verso il benessere può condurci alla catastrofe”.

Clima ultima chiamataClima ultima chiamata

La critica all'attuale modello economico e sociale è forte e netta: “I cambiamenti climatici non sono un semplice incidente di percorso nel cammino trionfale del capitalismo consumista. e disuguaglianze e la povertà non nascono da una scorretta applicazione del modello, ma sono dei prodotti inattesi e indesiderati del sistema di valori su cui si fonda la fase più recente della civiltà moderna, in cui i valori mercantili hanno la priorità sui valori umani. Una economia fondata sull’accumulo competitivo di ricchezza più si avvicina ai limiti fisici del pianeta è più ha bisogno di produrre povertà da una parte per continuare a produrre ricchezza dall’altra”.

Clima ultima chiamataClima ultima chiamata

A chi ha ascoltato le analisi degli esperti intervenuti nei tre giorni di lavori, l'esigenza di un turning point radicale è apparsa non solo urgente ma anche inevitabile. Ma come? “Il dialogo fra scienza e religioni che si è svolto ci ha indicato una via di uscita” spiega Masullo, ricordando i contenuti della tavola rotonda tra esponenti delle diverse confessioni religiose svoltosa nell'ambito del Forum. “La scienza si accorge di aver perso di vista il benessere umano e di aver bisogno di un’etica, religiosa o laica che sia, per costruire un nuovo umanesimo fatto non solo di cose e consumi ma anche di valori non materiali”. Il cambio di paradigma riguarda ovviamente tutti i settori e non esclude nessuno. Agricoltura, industria, sistema produttivo, stili di consumo. E investimenti finanziari: “Abbiamo sentito pronunciare e descrivere l’ossimoro di una finanza etica, che si occupi cioè non solo della produzione e dell’accumulo di quel capitale finanziario per cui è nata, ma anche del capitale umano e del capitale naturale. Questa ci è stata indicata come una via dì uscita. Gli scienziati lo sanno, gli economisti meno, la finanza ancor meno.

Clima ultima chiamataClima ultima chiamata

Ed ecco che, da questa consapevolezza, emerge il ruolo cruciale dei giornalisti e degli operatori dell'informazione: un appello perché anche i politici ne tengano conto alla COP21 di Parigi assumendosi le loro responsabilità. Nessuno pensi, nella casa comune che è il nostro pianeta, di potersi sentire al sicuro, chiuso nella sua bella stanza ordinata, senza adoperarsi per consolidare le fondamenta che scricchiolano, perché se la casa crolla a poco gli serviranno le ricchezze che può avervi accumulato.

Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria ( Nicolò Tommaseo) - Noi abbiamo una sola vita: se anche avessi fortuna, se anche raggiungessi la gloria, di certo sentirei di aver perduto la mia, se per un solo giorno smettessi di contemplare l'universo ( Marguerite Yourcenar) - Nel teatro la parola è doppiament glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello (Pier Paolo Pasolini) - Con la costanza e con la perseveranza si arriva tutti ai grandi risultati attesi, che corrispondono non tanto alle vittorie in sé, quanto piuttosto alla progressiva scoperta dei nostri limiti (Gabriella Dorio) - La libertà dell'uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole: essa non dipende da vittorie esterne, ma interne (Paramhansa Yogananda).