#141 - 23 novembre 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno 12 giugno quando lascerà  il posto al numero 265 - BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, INSIEME... SORRISINI PER UN BREVE RELAX - "Cameriere, cos'ਠquesto insetto che fa il bagno nel mio bicchiere?" "Signore, qui si viene per bere e mangiare e non per studiare zoologia!" - "Cameriere, cosa avete di buono?" "La salute, signore: Grazie a Dio!" - Qual è il polpo più¹ veloce del mare? Il Polposition! - Un bambino nel passeggino piange e urla in modo irritante: Il padre che lo accompagna, ogni tanto dice: "stai buono Andrea! Stai calmo, Andrea, controllati! ...un tale vedendo la scena dice: "Complimenti, lei è molto paziente nel modo di educare e trattare il suo piccolo!" "Guardi, - risponde lui irritato - Andrea sono io!" - Un'anziana signora ad una bambina "Se continui a fare tutte quelle smorfie resterai brutta tutta la vita" E la bimba: "Allora lei non era mai stata avvertita?" - Qual è¨ il colmo per un giardiniere? Cogliere ...l'occasione - Qual è¨ il colmo per un aviatore? Cogliere una frase al volo - "Lasciami stare - si raccomanda il libro di matematica al dizionario - ho un sacco di problemi!".
Editoriale

Paura

di Dante Fasciolo

Ci sono, nell’arco della vita di ciascuno,
momenti angoscianti e di smarrimento.
Oggi, uno di quei momenti si affaccia
con insistenza e prepotenza e semina paura.

Gruppi di fanatici fondamentalisti
che si arrogano il diritto di parlare
a nome del dio islamico esercitano terrore
uccidono e massacrano senza pietà, senza ragione.

C’è chi cade nelle loro trappole, e amplifica
parole di odio e di vendetta inseguendo il progetto
di moltiplicare una reazione che porti all’esclusione
dalla nostra società di ipotetici nemici.

La già latente semplificazione antropologica
che ritiene l’altro come presenza negativa,
alimentata da interessate veggenze catastrofiche,
muta l’altro in pericolo, a prescindere.

All’angoscia, questi costruttori di buie trame,
aggiungono paura, che spinge ad interiorizzare
la perniciosa tesi che l’altro sia un umano inferiore,
e ciò può essere un’arma micidiale
perché mina alla base il rapporto della vita civile.

La paura, allora, ripiega sull’intolleranza,
e questa prende varie forme di rifiuto e di odio.
Se noi cittadini di un corrucciato occidente
ci lasciamo prendere da questa mano di morte
ci avvieremo repentinamente al vuoto delle nostre coscienze
al pari del vuoto delle coscienze degli assassini
che insanguinano oggi le nostre strade.

Sembra che bastino una tetra e vendicatrice bandiera
un rudimentale coltello o un moderno fucile,
una promessa di sesso, denaro e felicità
per arruolare migliaia di giovani, ormai senza ideali positivi,
perduti forse nei labirinti di una vita sociale e politica senza regole,
a giustificare azioni indistinte di morte.

Cittadini di questo difficile tempo,
eredi di un tempo passato punteggiato di errori,
lasceremo ai nostri figli un tempo ancor più nefasto
se non riusciamo a colmare di sentimento e di pace
il nostro modo di essere
e respingere con forza e determinazione
le paure che assediano il nostro cuore.

ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà l'amore per il potere, sia avrà la pace (J. Hendrix)