#140 - 16 novembre 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno 12 giugno quando lascer il posto al numero 265 - BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, INSIEME... SORRISINI PER UN BREVE RELAX - "Cameriere, cos' questo insetto che fa il bagno nel mio bicchiere?" "Signore, qui si viene per bere e mangiare e non per studiare zoologia!" - "Cameriere, cosa avete di buono?" "La salute, signore: Grazie a Dio!" - Qual il polpo pi veloce del mare? Il Polposition! - Un bambino nel passeggino piange e urla in modo irritante: Il padre che lo accompagna, ogni tanto dice: "stai buono Andrea! Stai calmo, Andrea, controllati! ...un tale vedendo la scena dice: "Complimenti, lei è molto paziente nel modo di educare e trattare il suo piccolo!" "Guardi, - risponde lui irritato - Andrea sono io!" - Un'anziana signora ad una bambina "Se continui a fare tutte quelle smorfie resterai brutta tutta la vita" E la bimba: "Allora lei non era mai stata avvertita?" - Qual il colmo per un giardiniere? Cogliere ...l'occasione - Qual il colmo per un aviatore? Cogliere una frase al volo - "Lasciami stare - si raccomanda il libro di matematica al dizionario - ho un sacco di problemi!".
Editoriale

Responsabilità

di Dante Fasciolo

Ci sono momenti nella vita in cui ognuno di noi
deve porsi delle domande e sforzarsi di dare una risposta.
Uno di questi momenti è segnato
dagli avvenimenti che hanno messo a ferro e fuoco
una delle capitali dell’Europa: Parigi.

Non è la prima volta che la Francia viene colpita,
né la prima volta che vengono colpite altre nazioni europee,
ma questo nuovo attacco terroristico
dovrebbe segnare un punto fermo nella lotta
che l’intero occidente sembra voler mettere in atto.

La realtà da affrontare è molto complessa,
abbisogna di profonda riflessione.
Allo smarrimento occorre rispondere con determinatezza
a cominciare non già dalle parole vendetta e guerra,
ma da quelle che producono verità, giustizia, dialogo.

Domandiamoci: è ancora tollerabile che negli anni 2000
vi sia nel mondo fame, analfabetismo, malattie, sfruttamento, miseria…?
E ancora: è possibile sopire le nostre coscienze
elargendo miserabili spiccioli alla soluzione
dell’eccessivo divario di vita tra occidente e terzo mondo?

Che dire poi degli armamenti il cui commercio
gonfia di profitti le casse delle nazioni produttrici,
mentre alimenta odio e conflitti tra popoli e nazioni!?
Possiamo davvero dichiararci estranei a tutto ciò?
Ed è sufficiente rimandare tutto alla responsabilità dei Governi?

Anche di fronte a tragedie come l’odierna c’è qualche sciacallo
che approfitta politicamente e si erge a giudice con stupidità,
e alza l’indice della sconsiderata violenza verbale
inopportunamente sostenuta attraverso la stampa più becera
che usa micidiali parole sanguinarie.

Credo sia finalmente giunto il tempo per avviare
una risposta possibile nel segno del rispetto alle troppe vittime,
una risposta costante agli interrogativi che ci ostiniamo a nascondere,
incominciando dal basso, dalla cosiddetta società civile,
ove ragionevoli atti di coscienza possono fiorire.

ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà l'amore per il potere, sia avrà la pace (J. Hendrix)