#135 - 28 settembre 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno 12 giugno quando lascer il posto al numero 265 - BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, INSIEME... SORRISINI PER UN BREVE RELAX - "Cameriere, cos' questo insetto che fa il bagno nel mio bicchiere?" "Signore, qui si viene per bere e mangiare e non per studiare zoologia!" - "Cameriere, cosa avete di buono?" "La salute, signore: Grazie a Dio!" - Qual il polpo pi veloce del mare? Il Polposition! - Un bambino nel passeggino piange e urla in modo irritante: Il padre che lo accompagna, ogni tanto dice: "stai buono Andrea! Stai calmo, Andrea, controllati! ...un tale vedendo la scena dice: "Complimenti, lei è molto paziente nel modo di educare e trattare il suo piccolo!" "Guardi, - risponde lui irritato - Andrea sono io!" - Un'anziana signora ad una bambina "Se continui a fare tutte quelle smorfie resterai brutta tutta la vita" E la bimba: "Allora lei non era mai stata avvertita?" - Qual il colmo per un giardiniere? Cogliere ...l'occasione - Qual il colmo per un aviatore? Cogliere una frase al volo - "Lasciami stare - si raccomanda il libro di matematica al dizionario - ho un sacco di problemi!".
Fumetto

Eco di un tempo ormai lontano

Asso di picche

di Giada Gentili

...forse il primo eroe avventuroso del fumetto italiano risorto circa settant’anni fa, dopo la guerra.
Ne furono autori Mario Faustinelli e Hugo Pratt, il grande disegnatore allora alle prime armi, che aveva scoperto i fumetti durante la sua permanenza in Africa. Sui giornali dei soldati americani c’erano storie di Milton Caniff, di Chester Gould o magari di Al Capp, i cui disegni affascinavano il giovane Pratt.

Asso di piccheAsso di picche

Dopo la Liberazione e la fine dei problemi bellici, intorno ai due autori si raccolse a Venezia un gruppo di giovani di belle speranze e di sicuro avvenire, dal futuro scrittore Alberto Ongaro al futuro regista Damiano Damiani, che con altri crearono l’Asso di Picche, un giornaletto che prendeva il nome dal protagonista della storia principale.
Nelle vicende di questo personaggio misterioso e mascherato come Superman c’era l’atmosfera della grande avventura americana. Ma per gli italiani queste storie – che oggi possiamo giudicare piuttosto prevedibili – erano una novità, e facevano scoprire mondi nuovi.

Asso di piccheAsso di picche

Dietro la maschera e la tuta con il simbolo dell’Asso di Picche, si nasconde un coraggioso e misterioso giornalista che combatte la criminalità del clan delle Pantere nere e del Club dei 5. Compie imprese valorose e riesce anche a conservare il mistero della sua identità, ignorata persino dalla fidanzata.
La rivista, come tutte le iniziative prive di fondi, concluse presto la sua vita.
L'appetito vien mangiando, ma anche leggendo e...curiosando.

Asso di piccheAsso di picche

Ignorante dei vecchi fumetti e totalmente presa dai nuovi, questo viaggio nel tempo, mi ha aperto, oltre le notizie su vecchi personaggi, autori, storie di fumetti, uno spaccato dell'Italia di "quei" tempi che si rispecchia, in modo più o meno fedele, nei fumetti (oltrechè in tutte le arti, certamente).
Un periodo fecondo è stato il secondo dopoguerra. L'ho visto solo nei film neo realisti e nella letteratura. Il mio occhio appassionato di fumetto, è ben lieto quindi di presentare al pubblico di oggi questi (in)dimenticabili fumetti. Qui si parla di mondi nuovi e criminalità. Si era dopo il 1945 e mi viene fatto di pensare che anche Asso di Picche era figlio di quei tempi.
Il grande "Paisà" di Rossellini e "Ossessione" di Visconti hanno lasciato un segno dell'Italia del dopoguerra ma era anche un paese che cercava altri mondi e una nuova era di giustizia. Proprio in questo contesto storico, l'Asso di Picche divenne un personaggio popolare. (chi scrive non è un'appassionata di carte, comunque...).

Asso di piccheAsso di picche

ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà l'amore per il potere, sia avrà la pace (J. Hendrix)