#352 - 1 giugno 2024
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Religione

Santa Maria del Fonte
L'Apparizione del 26 maggio 1432

Caravaggio santuario

di Amanzio Possenti

Caravaggio santuario

Quando si parla di un Santuario frequentato da centinaia di migliaia di pellegrini all’anno il pensiero corre subito a quello di Caravaggio, il Santa Maria del Fonte, che condivide la supernotorietà non solo nazionale con gli omologhi di Pompei,di Loreto e di Oropa.
E lo si è visto anche quest’anno con vaste presenze, pur nelle difficoltà meteo di un maggio quanto mai climaticamente bizzarro.

Caravaggio santuarioCaravaggio santuario

L’Apparizione della Vergine alla Beata Giannetta il 26 maggio 1432 e lo zampillio dell’ acqua in località Mazzolengo, la costruzione dell’imponente tempio mariano fra architettura di alto profilo storico-ambientale-artistico e il valore dei dipinti custoditi, la scelta dei visitatori al Sacro Fonte, l’incontro con la Madonna nello spazio di culto riservatoLe sotto l’altare maggiore al centro della navata (e nella occasione della festività celebrativa collocata in una più ampia dimensione di preghiera e di raccoglimento nella parte sud oltre l’altare), l’ ora di Maria che precede la solenne memoria dell’Apparizione, i grandi spazi all’esterno del Santuario popolati da pellegrini oranti o comunque familiarmente legati al culto mariano, la celebrazione della Messa solenne presieduta dal vescovo di Cremona monsignor Antonio Napolioni (Caravaggio pur essendo in terra bergamasca è religiosamente e storicamente cremonese), il succedersi delle celebrazioni liturgiche, le preghiere per famiglie e bambini, i Rosari in vari orari e il Rosario aux flambeaux sotto i portici del Santuario, il tutto preceduto da una intensa Novena, costituiscono il racconto sacro del 26 maggio. Esso è stato caratterizzato nell’ora della Apparizione dalla folta partecipazione di pellegrini oranti, di ammalati accompagnati dall’Unitalsi, dal suono gioioso delle campane in festa non solo del Santuario ma di chiese nella zona, dalla benedizione degli automezzi e dalle trasmissioni in diretta degli eventi sul sito del Santuario all’insegna della denominazione della festività 2024 ’L’Angelo portò l’annuncio a Maria’, dalla Veglia dell’Apparizione alle 21 del sabato pre-festa, in un clima di suggestiva partecipazione.

Caravaggio santuario

Così mentre di anno in anno la tradizione si rinnova - e quest’anno si è festeggiata la Giornata Mondiale dei Bambini con la Federazione degli Oratori cremonesi che ha animato il pomeriggio del sabato, e si è svolta la Elevazione ‘Maria Mater Gratiae’ della Cappella Musicale del Duomo di Bergamo - ancora una volta il rinomato Santuario - dove è Rettore monsignor Amedeo Ferrari, particolarmente attivo ecclesiasticamente in questo periodo - si rivela luogo speciale di preghiera alla Vergine e per Caravaggio e i caravaggini - spiega il dottor Paolo Castelli ’un punto di riferimento e di orgoglio religioso, nonché di tanta gratitudine alla Madonna’. Ben oltre la tradizione, fra gioia e serena dedizione alla Vergine del Fonte.

Caravaggio santuario

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.