#332 - 10 giugno 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 1° marzo, quando lascerà il posto al numero 347. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Arte

Ancora una riflessione sull'arte di Ugo Riva

Chiesa della Grotta a Romano Lombardo

Arte e Sacro

Divampano le luci delle meraviglie

di Amanzio Possenti

Quando l’arte affronta con amore e dedizione il sacro, si accendono le luci delle meraviglie e si rigenerano quelle della fede: è la prima constatazione rasserenante, pur nella inquietudine delle emozioni, che emerge di fronte alle opere - di bellezza maiuscola e di rara verità umana – dello scultore Ugo Riva esposte, non in mostra (sino al 30 luglio) bensì in spirito di riflessione e di coinvolgimento dell’anima, nella chiesa della Grotta (svuotata nella sua tradizionalità sacra) a Romano di Lombardia (iniziativa di Macs con mons.Tarcisio Tironi, di Fondazione Creberg con il presidente Angelo Piazzoli e lo stesso Ugo Riva, protagonista).
Un esempio di comunicazione immediata di arte sacra che si immedesima e suscita domande,chiede risposte ed indica il valore del contatto con il divino: il cuore si apre e quasi si svuota davanti alle tensioni scultoree che non sono più soltanto materia bensì limpida testimonianza d’arte.

Arte e Sacro

Il grido di Gesù sulla Croce al Padre ‘Perché mi hai abbandonato?’ risuona forte nelle opere di Riva prive di clericalismo, sofferte e urlate dagli uomini ’in Croce’, in una intensa partecipazione verso il bisogno di Infinito che proviene dagli inanellamenti, dalle torsioni, dalle immaginazioni creative di sculture che investono e sovvertono la coscienza.
Le opere di Riva generano sofferenza ricca di speranza non solo nell’autore, anche nel fruitore, che ne annota due aspetti: la semplicità del dire espressivo (linguaggio, coerenza, immagine, emozione, sensibilità, equilibrio) e la complessità della struttura scenica (rigore, severità, luce, groviglio di sensazioni, composizione ardita). Le due componenti apparentemente contrastanti si fondono in unità (e forza dinamica) di stile e di narrazione. Ne deriva una poesia di sostanza e di linee che richiama la Bellezza, tra forma e contenuto. Nonché una spiritualità interiore basata sulla ricerca delle origini dell’atto (sofferto ma autentico) di fede.

Arte e Sacro

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato.