#314 - 17 settembre 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 03 febbraio, quando lascerà  il posto al numero 323. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Arte

Italiano l' artista di successo in Francia

Renato Parigi

di Amanzio Possenti

Un cittadino di Treviglio che porta il cognome di Parigi ed è scultore, disegnatore e pittore di alto e riconosciuto profilo internazionale è certamente il più idoneo ad essere considerato una ‘stella dell’arte’ contemporanea nella omonima capitale francese : come difatti accade da parecchi anni mentre la critica francese lo annovera fra i ’grandi’ artisti in attività.
Pochi a Treviglio - sua città natale (in provincia di Bergamo) dove è vissuto fino ai venticinque anni e dove talvolta torna sia... per ‘ripassare’ il dialetto sia per incontrare gli amici rimasti - conoscono la vicenda artistica di Renato Parigi: nato nel 1939, si è trasferito in terra francese (Paris) nel 1964 grazie al biglietto di andata in treno rilasciatogli dal suo indimenticabile Maestro di scultura a Brera, Marino Marini, uno fra i più rinomati scultori del Novecento.
Da quell’anno Renato Parigi si è ’fatto da sè’, nel senso che ha percorso un impegnativo tragitto di esperienze tra disegno preparatorio e gusto della ricerca dello spazio, in forme caratterizzate da movimento e volumi, in composizioni ardite.

Renato ParigiRenato Parigi

Già quando viveva nella casa familiare a Treviglio, in centro città, con i genitori e il fratello Aldo (classe 1931,da anni emigrato in Australia e con ottimo successo lavorativo) - racconta con dovizia di memorie giovanili il suo amico e concittadino Massimiliano Stedile, classe 1935, al quale continua ad inviare volumi che parlano della sua arte, mantenendo costanti colloqui telefonici ed anche incontri - manifestava l’indole dell’artista scultore; pur se aveva lavorato per un anno in Same, aveva poi scelto, anche con sacrifici propri e di famiglia, di frequentare l’Accademia di Brera a Milano, sua rampa di lancio, fra scultura, pittura e scenografia . Poi la trasferta vincente a Parigi, la metropoli dall’omonimo cognome. Oggi vive nella capitale francese, con altra residenza in un maniero a Squiffiec.

Renato ParigiRenato Parigi

Renato Parigi ha risposto così al suo intervistatore Laurent Boudier, come si legge in uno dei volumi che lo riguardano:’ Sono convinto che niente può essere datato in arte, ogni opera si colloca in un tempo che le è proprio, essa è frutto di un momento, sfugge alla sua epoca...Attualmente gli artisti s’esprimono attraverso l’oggetto, la fotografia, l’installazione, ma si vorrà un giorno camminare di nuovo nei passi degli altri.’ La sua attenzione all’arte africana è un modo per sentirsi partecipe di un cammino le cui tracce sono state lasciate. A proposito dei moltissimi disegni da lui prodotti in continuo fermento ideativo, dei quali dice ‘essere un lavoro continuo, una profusione di parecchie centinaia di fogli’, ebbene li definisce ‘la tachicardia della mia vita’. Ricordando come durante il soggiorno in Africa ‘non potesse scolpire, bensì realizzare grandi fogli da disegno’, sente di valorizzare la forza maiuscola del disegno, prodromo della scelta scultorea. Il foglio ,il papier, ‘è scrittura e natura’, osserva: insomma il suo è un inno al valore del ’dessin’, nella forma.

Renato ParigiRenato Parigi

Quanto alle forme scolpite - testimoniate dalle molteplici opere, di varie dimensioni e di diverso materiale, dal bronzo al legno al marmo - emerge l’amore verso lo spazio creativo e narrativo, nel quale la forma diventa sostanza espressiva e tensione emotiva e il gusto del raccontare per immagini trasforma il tutto in un balenìo di sensazioni mobili e profonde, che stimolano occhio e mente e accompagnano, valorizzandola, la bellezza di una ininterrotta riscoperta di cumuli interiori partecipativi.
Una scultura di alto rango estetico, nella quale le storiche memorie culturali italiane permangono, come si rivela nelle mostre di Renato Parigi in corso in questi giorni fino a novembre in gallerie e chiostri della Bretagna.
Sotto lo sguardo della critica francese sempre positiva nei confronti dell’arte dell’emigrato artista italiano, divenuto un protagonista per il valore, la qualità e la sensibilità delle sue composizioni.

Renato Parigi

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.