#314 - 17 settembre 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 03 febbraio, quando lascerà  il posto al numero 323. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Storia

La tragedia rivissuta attraverso un’opera d’arte nel segno della pace

Monaco 1972

di Amanzio Possenti

Cadono in questi giorni - esattamente nella memoria del 5 settembre 1972 - i 50 anni da una delle più funeste tragedie avvenute nel secolo scorso nell’ambito del terrorismo antiisraeliano.
Un gruppo di terroristi penetrò, armi in pugno, nella palazzina dove soggiornava per le XXesime Olimpiadi di Monaco la squadra degli atleti israeliani: fu un massacro che suscitò orrore e ripugnanza verso i criminali assassini e grandissima pietà nei confronti dei giovani atleti barbaramente uccisi.

Quel gesto orribile, che sconvolse uno degli eventi sportivi di massimo rilievo ed è tuttora ricordato come raccapricciante testimonianza di un tragico periodo – quello degli attentati di Settembre Nero e in tragica azione antiIsraele - fornì allo scultore bergamasco Piero Brolis – molto noto a Treviglio sia per averv realizzato opere sia per i numerosi amici che qui conta - l’idea di commemorare l’eccidio con una scultura in marmo grigio di Carrara: il suo proposito ebbe due risonanze artistiche ed esistenziali, ricordo dell’evento e della sua brutalità come saluto alle vittime ed anche memoria legata al bisogno di pace. Insomma un segno d’arte per scuotere gli ignavi e sollecitare il valore della pietà.

Monaco 1972Monaco 1972

Piero Brolis – Bergamo, 1920-1978, artista di livello internazionale - sensibile all’evento, rappresentò - ed è quanto si nota nella foto – il torso acefalo del sollevatore di pesi; sul retro del torso, uno squarcio emblematico del tragico fatto. Il tutto narrato con la potenza espressiva, intensa ed autonoma di Brolis, nel segno di una volontà di coinvolgere e sensibilizzare.Titolo: ‘Monaco 72’.

La splendida scultura è stata donata dalla famiglia nel 1982, nel decennale della tragedia, alla Scuola di Educazione Fisica e Sportiva Natanya di Tel Aviv, dove si trova tuttora, visitata ed osservata come un’opera d’arte; fu donata tramite l’interessamento del compianto architetto Ezra Levin di Londra dopo essere stata esposta alla mostra antologica londinese presso la Locus Gallery nel 1981.

Ed ora, in occasione del 50esimo, ulteriormente rivalorizzata sia come memoria esemplare sia ammirata quale testimonianza di un intramontabile desiderio di pace: la scultura dell’artista Brolis – in sintonìa con la sua produzione, laica e religiosa -, conferma la scelta di uno stile che va al di là del tempo. Un segno di Bergamo presente nel mondo a sostegno dei valori onnivalenti, prezioso tramando di buona volontà.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.