#313 - 3 settembre 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 03 febbraio, quando lascerà  il posto al numero 323. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Attualità

In attesa di una seria presa di responsabilità politica e sociale

Rincari

di Amanzio Possenti

Sarà un autunno duro, sento ripetere, ma non è purtroppo una novità - tutt’altro - questa attesa snervante per le famiglie: spiace doverlo scrivere esponendomi magari alla figura di chi ama ricordare e non tacere notizie del passato recente e remoto.

Ad ogni arrivo di fine estate, da anni è diventato un mantra classico – da parte della informazione, sulla scia di sindacati e partiti - convogliare l’attenzione sull’ ”autunno duro“ o ”autunno caldo”, con previsioni preoccupanti.
Temi, inflazione, aziende in chiusura, licenziamenti, Italia in panne, e via dicendo.

Rincari

Ora che la situazione è fortemente critica a causa della crescita esponenziale dei costi di energia e materie prime, con una guerra (irresponsabilmente avviata) che preme alle porte di casa, ecco l’ultima delle cattive proiezioni lette nei giorni scorsi in pieno e surriscaldato clima elettorale: nei mesi fra settembre e novembre graverà un peso economico ulteriore di 711 euro per ogni famiglia, dati i rincari in essere.

Gli osservatori incalzano: dove finiremo? Per giunta con i problemi che si creerebbero (il condizionale non è un eufemismo...) nel domani dell’esito elettorale: ‘un Paese nel disastro’, denuncia e prevede il centro sinistra ‘se vincesse la destra’, ’no, cambieremo il Paese’, replica la parte contestata. Gli slogan si sprecano, frutti di parte. E i problemi reali?
Dove sta il futuro? Nell’ipotetico ”autunno caldo” o in uno spazio creativo al buon senso e alla fiducia nel fare Politica responsabile ?

Rincari

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.