#313 - 3 settembre 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascerà  il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Religione

Treviglio (Bergamo)

Papa Luciani

Prossimo Beato: memorie di due incontri in santuario

di Amanzio Possenti

Albino Luciani – Giovanni Paolo I, morto improvvisamente nell’agosto 1978, trentatrè giorni dopo la nomina pontificia - venne due volte a Treviglio (Bergamo), una prima, da Vescovo di Vittorio Veneto, per predicare la Novena della Madonna delle Lacrime nel febbraio 1969, la seconda, il 28 febbraio 1972, per festeggiare e presiedere i 450 anni del miracolo mariano.
La memoria della Sua presenza – mentre è prossima la beatificazione ad opera di Francesco, domenica 4 settembre in San Pietro - è ancora viva in molte persone a cominciare dal sottoscritto, che ne ricordano lo stile semplice, paterno e intensamente comunicativo nella predicazione e la cordialità genuina del carattere nell’incontro fraterno fra il Santuario e il Palazzo Comunale.

Papa Luciani

Quelle due visite rappresentano al di là della storicità degli eventi, due gesti di letizia comunitaria che entra a far parte del patrimonio locale, poiché Luciani in ambedue gli appuntamenti si rivelò non solo uno straordinario ed umile servitore di Cristo e un innamorato di Maria ma anche un amico sincero si soffermò spesso a conversare - si direbbe ‘alla buona’ con la gente ignorando totalmente il ruolo di autorevole personaggio e facendosi portatore di preziosi e cordiali scambi di reciproca benevolenza.

Alla Novena del febbraio 1969 fui presente e rammento la accorata e dolce parlata veneta della predicazione – quattro volte al giorno, dal 9 al 27 febbraio, di buon mattino (ore 6 ), alle 9,15,alle 14,30 e alle 20,30,in un santuario gremito. Sempre sul medesimo tasto : l’amore e la protezione della Vergine delle Lacrime quale presidio di accompagnamento materno nella quotidianità e la gioia di sentirsi privilegiati da un miracolo salva-borgo, mentre le truppe francesi si accingevano a mettere a ferro e a fuoco l’allora Treville. Luciani con tenerezza annunciava che ’Maria a Treviglio c’è sempre’. E ricevette dal sindaco Ferruccio Gusmini la tradizionale e storica Offerta della cera. Non solo: durante i dieci giorni di permanenza visitò i malati in ospedale, i sacerdoti, i ragazzi, gli educatori, le suore nei collegi dei Salesiani, degli Angeli, dei Monfortani e delle Canossiane con la tradizionale bonomìa e disponibilità.

Papa LucianiPapa Luciani

Nel febbraio 1972, quando era Patriarca di Venezia, accolse volentieri, e subito, l ’invito a presiedere la Messa solenne pontificale del 450esimo delle Lacrime: fu un evento eccezionale, distinto dalla partecipazione di una quindicina di vescovi fra quanti avevano predicato la Novena, in un Santuario che gli tributò grandi festeggiamenti. Parlò all’omelia con la medesima grazia feconda e il massimo senso di amicizia delle predicazioni di tre anni prima, sottolineando lo spirito della ‘gratitudine’ secolare a Maria, costante intermediaria gioiosa di Gesù. Seguì il ricevimento ufficiale in Municipio con tutti gli altri vescovi: qui rispose, con impeto d’amore e sorriso ininterrotto, ringraziando della’ accoglienza meravigliosa’ il sindaco geom. Ermanno Riganti, che lo aveva salutato, a nome della comunità , come un ‘personaggio amato della Chiesa italiana’.

Due momenti indimenticabili che rendono l’imminente beatificazione un passaggio festoso e importante, lietia di commemorare un vescovo-patriarca-papa che ha lasciato tracce enormi di bene, di memoria e di riconoscenza alla Vergine delle Lacrime.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.