#312 - 30 luglio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 03 febbraio, quando lascerà  il posto al numero 323. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Lavoro

Statistiche

di Amanzio Possenti

Un dato è certo, le statistiche si alimentano di imprevedibilità, assai più che normalità: possiamo affermarlo di fronte ai dati Istat e Fondo Monetario Internazionale che nei giorni scorsi hanno reso noto informazioni statistiche a dir poco positivamente sorprendenti sul lavoro e sui conti economici italiani, mentre sia gli operatori finanziari sia la stampa specializzata temevano risultati negativi.

Il numero degli occupati in giugno ha registrato un balzo all’insù rispetto a maggio - + 83 mila unità - e quello dei disoccupati (2 milioni) in regresso dello 0,2% su base mensile. Ma il dato più importante, che fa compiere all’Italia un salto in avanti inaspettato, superiore a quello tedesco (solitamente decantatissimo nel confronto), è il record di lavoratori dipendenti addirittura dal 1977,ovvero 18,1 milioni di attivi, il che significa un tasso occupazionale attestato sul 60,1%,percentuale lodata come assai qualificante.

Statistiche

Si presenta subito l’altra faccia della nostra economia a smorzare i toni: il debito pubblico, sempre molto elevato.Alla fine del 2022,secondo le stime Fmi, dovrebbe risultare del 147,7% che, pur molto alto, presenterebbe un calo del 6,6% rispetto a quello del 2020, piena epoca covid, ben lontano nei confronti del 134,1% del 2019. Resta ancora molto, molto da fare: prima necessità evidente, il miglioramento forte e costante dei conti, ancor più nel clima di pesante inflazione prevista a fine 2022, intorno al 6,7% ( con recupero consistente, secondo le previsioni, del 3,5% nel prossimo anno).
Alti e bassi di un’economia che soffre e a fronte di chiarori positivi lascia intravvedere grosse incertezze.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.