#309 - 18 giugno 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascerà  il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fotografia

Tra odori selvaggi e canti primitivi

Nel Gobi con il coro

di Guido Alberto Rossi

Nel Gobi con il coroNel Gobi con il coro

Un giorno del 1989 mi chiama Alberto Orefice, allora direttore di Gente Viaggi e mi propone una serie di viaggi in Cina, sì la Cina Popolare, quella di Mao, che dopo decenni incominciava ad aprire al turismo e quindi il governo cinese incominciava ad organizzare dei viaggi, un po' blindati, ma sempre viaggi per fotografi e giornalisti.
Ovviamente dal momento dell’arrivo a quello della partenza con inchini, sorrisi e salamelecchi eravamo sempre accompagnati e credo guardati a vista anche sotto la doccia.

Nel Gobi con il coro

Accettai al volo, erano previsti quattro viaggi nei quattro angoli della Cina e in diversi periodi dell’anno, uno di questi è stato particolarmente interessante e stressante contemporaneamente: il viaggio nel deserto del Gobi.

Erano anni in cui gli editori erano di mano quasi larga, la Rusconi che editava Gente Viaggi, pagava tutte le spese, salvo i pasti, perché secondo il Cav. Edilio Rusconi se mangiavo a Milano a spese mie, potevo anche farlo in giro per il mondo. Ragionamento che non faceva una piega, però pagava le spese anche all’assistente, ovviamente salvo i pasti che altrettanto ovviamente erano a carico mio.

Nel Gobi con il coro

Quindi un bel giorno con il mio amico ed assistente Adriano Schena partiamo per Beijing, una notte di permanenza e il giorno dopo volo interno per Urumgi in un jet che sembrava l’angolo di un tipico mercato di paese, carpe fresche avvolte in un giornale locale che il mio vicino di posto teneva gelosamente sulle ginocchia.
Arriviamo di sera, ci accoglie il funzionario che poi sarà anche la nostra guida e l’autista tutto orgoglioso della sua Toyota Land Cruiser.

Nel Gobi con il coroNel Gobi con il coro

Ci accompagnano in albergo dicendo che verranno a prenderci il mattino seguente alle 11 per partire, gli rispondo che non se ne parla, dobbiamo partire al mattino presto, perché è meglio per la luce, inizia una mini-discussione, ma la spunto ignaro della vendetta cinese (non sapevo che in Cina non ci sono fusi orari e quindi le 11 erano quasi l’alba).

Nel Gobi con il coro

Finita la cena il nostro infido facente guida fa scattare la trappola: con un lungo giro di parole in un inglese che andava dal perfetto a quello che non capiva, quando non voleva, mi chiede se l’autista può farsi accompagnare dalla moglie, visto che si è sposato il giorno prima e dovrebbe passare lontano da lei i prossimi cinque giorni.

Nel Gobi con il coro

Ignaro di quello che sarebbe successo acconsento e così il mattino dopo che, ovviamente, è buio pesto e non possiamo neanche far colazione, arrivano i tre e, chiarito il disguido del fuso orario, aspettiamo tre ore per la colazione ed il levarsi del sole e con tutti a bordo via per il deserto. Loro tre davanti mentre io ed Adriano sui sedili posteriori, che sono anche più sicuri in caso d’incidente, cosa molto frequente sulle strade cinesi.

Nel Gobi con il coro

La mattinata passa via con qualche foto della strada e finisce con il pranzo in un ristorante on the road, tra gli avventori c’era anche un maiale che si aggirava per i tavoli mendicando qualche avanzo, mentre i nostri accompagnatori ordinano di gusto brodaglie unte e puzzolenti io e Adriano, acquistiamo delle scatole di pesche sciroppate (che poi saranno la nostra dieta base per i prossimi giorni) ed andiamo a mangiarcele al sole.

Nel Gobi con il coro

Come ripartiamo incomincia l’incubo che durerà per circa tremila chilometri: autista, consorte e guida iniziano a cantare deliziose canzoni e coretti cinesi che per noi occidentali dopo tre minuti d’ascolto fanno venire idee omicida o meglio anche di genocidio.
Passiamo la prima notte in un nuovo albergo appena finito, ma finito alla meglio tanto che tra l’infisso della finestra e il muro ci sono una decina di centimetri di niente da cui entra tutto il freddo della notte. Fortunatamente ci siamo portati sacchi a pelo e giacche a vento di piumino e guanti da sci, così dormiamo quasi caldi.

Nel Gobi con il coro

Al mattino il buongiorno inizia con la mancanza d’acqua, che poi non è così importante dal momento che non penso proprio di togliermi giacca e guanti.
Preferiamo far colazione in camera con il Nescafé fatto nello scaldino con spirale portati da Milano.
Si parte per il secondo giorno, il tutto è affascinante e ricco di soggetti, dalle dune agli accampamenti dei mongoli nomadi, scattiamo lo scattabile e cerchiamo anche di perder tempo, sapendo che dal momento che risaliamo in auto, inizia il coro che ci accompagnerà fino a sera.

Nel Gobi con il coro

Nei giorni successivi arriviamo a Jiayuguan e poi fino a Turpan, ormai la borsa dei rullini scattati trabocca e siamo felici per il lavoro ma con le orecchie a pezzi. Nel frattempo Adriano ha anche imparato un motivetto che viene riproposto più volte nel corso della giornata e così ogni tanto sopra pensiero inizia ad accompagnare i nostri tre artisti.

Nel Gobi con il coro

Arriviamo al traguardo frantumati, i nostri sposini ci ringraziano con inchini, sorrisi e frasi che tradotte sono molto carine, poi chissà se sono state tradotte correttamente dalla nostra guida.
Riprendiamo un altro aero–mercato e scopriamo che il miscuglio di puzze animali e vegetali, sono comunque meglio del bel canto cinese.

Nel Gobi con il coroNel Gobi con il coro

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.