#297 - 8 dicembre 2021
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Attualità

Una "via lucis" per un viaggio interiore

Il giorno di Santa Lucia

13 dicembre

di Valentino Losito

E’ il giorno più corto dell’anno, è il passo dell’inverno.
La tradizione popolare vuole che, da Santa Lucia, la luce inizi a lasciare la delicata quiete del suo “letargo” autunnale, per iniziare il lento ma progressivo viaggio verso gli sfavillanti lidi dell’estate.
E’ come se la luce tornasse a visitarci. Ma riusciamo ancora a scorgerla, a vederla?

Ci lamentiamo, sempre più’ spesso, di vivere in tempi bui, in cui abbiamo perso molte delle stelle polari che hanno guidato la nostra vita. La pandemia è la parola che da nome a tutte le nostre inquietudini a cominciare dall'addio di tante persone care.
Ci sembra di navigare a vista e procedere in un tunnel del quale stentiamo a vedere la fine.

E più del buio dei tempi ci inquietano, forse, le mille sfumature di grigio delle nostre rassegnate coscienze, il nostro misterioso claudicare di mendicanti di senso e di bellezza.

13 dicembre

Anche la luce ci invita a trovarla con occhi nuovi, cercandola in terre di mezzo, tra i margini e le penombre, iniziando un viaggio interiore.
Le stelle ci ricordano che la luce viene da lontano e che guardare il cielo più che un tuffo nel futuro è un ritorno al passato. Tanto più una stella è lontana, tanto indietro nel passato è stata emessa la sua luce che vediamo e che impiega del tempo per giungere fino a noi.

Giacomo Leopardi osservava la luce e annotava gli effetti sull’ anima, per poi ricrearli nelle sue poesie e negli altri suoi scritti.
In un passo dello “Zibaldone” spiega che gli oggetti rischiarati a metà destano in noi il senso di infinito e perciò la luce del sole e della luna va colta e gustata nei luoghi dove essa penetra incerta e impedita, come un canneto, in una selva o attraverso i balconi socchiusi.
Prendiamo queste ispirazioni leopardiane per il verso giusto. Sarà il modo migliore per percorrere la “via lucis” che da Santa Lucia ci porterà alla notte di San Giovanni, l’inizio del dorato tramonto dell’estate.

13 dicembre

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.