#278 - 21 gennaio 2021
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 23 aprile, quando lascerà  il posto al numero 284. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non sà ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità  e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Fotografia

Per la rubrica dei racconti fotografici di Guido Alberto Rossi

proponiamo in questa puntata una singolare storia nel deserto.

Tra Cina, Egitto, Marocco

Vendesi Cammelli

di Guido Alberto Rossi

Vendesi Cammelli

Il cammello è quello a due gobbe (Camelus bactrianus) poi c’è il cugino dromedario a una gobba (Camelus dromedarius Linnaeus) più famoso e conosciuto come cammello, forse per via della marca di sigarette che dal 1913 lo spacciano per “Camel”.

Vendesi Cammelli

Comunque, non voglio iniziare un dibattito zoologico, ma parlarvi dell’importanza di questi animali per un fotografo.
Se li guardiamo bene, non sono belli, sputano, ruttano e fanno puzze in continuazione, hanno un cattivo carattere e molti mordono a tradimento; eppure li troviamo simpatici e quindi molto fotografati. In termini di vendite (foto vendute) fruttano più dei leoni, degli elefanti e delle giraffe che sono anche molto più difficili da avvicinare e fotografare.

Vendesi CammelliVendesi Cammelli

Credo quindi che sia interessante parlare di come li ho fotografati, il perché e quale è stata la realtà dietro le quinte, alcune di queste immagini sono più finte delle frasi sulle lapidi nei cimiteri. Ma hanno fruttato bene in termini economici.
Ho fotografato i cammelli, quelli veri a due gobbe, in Cina, nel deserto del Gobi.
Alcune immagini ritraggono originali viandanti che vengono e vanno nel nulla (mai venduti) e quelli in fila in attesa dei turisti (venduti tantissimo) anche per un’affissione pubblicitaria di un grande gruppo bancario.

Vendesi Cammelli

In Egitto ho fotografato dromedari a Giza vicino alle piramidi, dove non solo li ho messi in posa, ma li ho fatti andare avanti e indietro comandati via radio con il mio amico Enzo Bianchini, che non era mai salito su un dromedario ma sapeva usare il walkie-talkie e così con un copricapo e mantello è salito in groppa e ha fatto il capo della finta carovana. Una foto fake? forse solo un pochino.
Nella realtà è così, come potete vedere nella foto aerea, decine di carovane di turisti cammellati che scorrazzano tra le piramidi.
Purtroppo, all’ora giusta per fotografare i turisti sono al bar ed i dromedari nelle stalle. Quindi o li fotografi con la luce perfida o ricostruisci la verità con la luce giusta. Nel primo caso le foto non si vendono nel secondo si!

Vendesi Cammelli

Sempre in tema di “falsi storici” sono le immagini realizzate in Marocco sulle dune del Sahara.
Grazie alle foto “cammellate” di Giza, un’importante agenzia viaggi mi commissionò alcune fotografie per pubblicizzare i loro viaggi esotici con tanto di avventura nel deserto. C’erano due alternative: seguivo una vera carovana di Toureg per alcune settimane (cosa che avrei preferito) o andavo in un loro hotel 5 stelle ai piedi delle dune, dove dietro la piscina c’erano i dromedari pronti in attesa degli avventurosi turisti.

Vendesi Cammelli

Scelsero la seconda e più semplice opzione, quindi volo Milano-Erfoud, trasferimento in auto con aria condizionata a Merzouga con cena e pianificazione foto con il capo animazione.
Mattino ore 07,00 scatti con luce giusta, colazione, pranzo e rientro a Milano.
Vi chiederete perché non ho fotografato la situazione vera, cioè i veri turisti in gita, Beh a parte l’orario della luce giusta per le foto, li avete mai osservati bene, certi turisti, da vicino?

Vendesi Cammelli

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.