#277 - 7 gennaio 2021
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 22 gennaio, quando lascerà  il posto al numero 278. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco che avanza la satira: Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già  137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nessun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
Poesia

I poeti de "i grandi dialoghi nel web" Si confrontano con il tema della povertà

La casa del povero

Di Beppe Contini

Tutta l’attrezzatura della cucina
consisteva in sei posate scompagnate,
tre piatti sberciati in uno scaffaletto,
una pentola di terra cotta
per cuocervi ciò che si aveva,
magari il mazzamurru:
pane secco elemosinato in giro
o rubato ai cani dei ricchi,
diviso con il cane di casa,
un meticcio piccoletto
ma fedele e di compagnia,
acqua pura del pozzo,
pomidoro di stagione,
un cucchiaio d’olio e formaggio
solo nei giorni di festa.
Per bracere un vecchio lavamani
di ferro smaltato,
trovato in un letamaio,
per combustibile sterco di bovino,
raccolto e fatto seccare d’estate,
cosa preziosa conservata d’inverno sotto il letto.
Per mobili un tavolo zoppo,
quattro scranni sfondati ed un letto.
L’armadio era un regalo ma era vuoto,
non c’era niente da conservarvi.
I vestiti, estate e inverno,
erano sempre gli stessi.
Le scarpe zoccoletti per tutti
salvo che per il padrone di casa
perché lavorava in campagna.
La luce entrava dalla porta
fatta con quattro tavole
e qualche chiodo.
Di notte una candela di sego,
gialla come l’itterizia,
che affumicava tutto e tutti.

La capra era legata ai piedi del letto,
a fianco la stuoia per il babbo.

Un barattolo di conserva con la fune
per attingere l’acqua dal pozzo.
Nel cortiletto un fosso:
letamaio per tutta la famiglia.
Poveri ma onesti,
non avevano mai dato lavoro
né ai carabinieri né alla giustizia.
La pancia sempre semi vuota
ma in pace con il Babbo e con la Mamma.
Erano stimati da tutti,
non solo nel vicinato.
Erano contenti ed in armonia.
All’imbrunire, tutti assieme,
recitavano l’Ave Maria.
Cercavano l’indomani con la tranquillità
di chi non è debitore di nessuno.

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà  senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)