#274 - 14 novembre 2020
AAA ATTENZIONE - Questo numero resterà in rete visibile fino alla mezzanotte del 18 dicembre quando lascerà il posto al numero 276 BUONA LETTURA - PER VOI ECCO QUALCHE MASSIMA: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Televisione

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

E’ d’obbligo iniziare queste righe con il ricordo del grande Gigi Proietti, morto “di sorpresa” la scorsa settimana in una clinica privata dove era ricoverato per motivi cardiaci. La prima reazione è stata d’incredulità. Non si è abituati ad accostare l’umorismo, l’ironia, la risata alla morte. E Proietti, ispirato fin dai suoi esordi dal sommo Petrolini, lo si ricorda soprattutto per la sua irresistibile comicità romanesca, venata, a tratti, di malinconia e di cinismo. E’ sopraggiunto – passata l’incredulità - un dolore sordo, come per la perdita di una persona prossima, quasi familiare. Lo hanno ricordato con commozione, i suoi allievi e i suoi amici, al Globe Theatre, il teatro in stile elisabettiano di Villa Borghese da lui voluto e di cui era direttore artistico. Toccanti le parole di Enrico Brignano, di Paola Cortellesi, di Marisa Laurito.

Zapping

Unica nota stonata, l’intervento di Walter Veltroni, che ci ha tenuto a definirlo “un uomo di sinistra”, come se l’ appartenenza a questa o a quella fazione fosse da ritenersi un valore aggiunto. Ignorando, evidentemente, che l’arte è tale solo se riesce a parlare un linguaggio universale trascendendo qualunque forma di dipendenza coattiva, che sia ideologica, religiosa o etnica. L’angustia intellettuale di certi politici è sconfortante.

Zapping

Dobbiamo ricordare anche la morte di un altro personaggio pubblico, il noto batterista del Pooh, Stefano D’Orazio, romano monteverdino, ucciso dal covid, commemorato a lungo dall’amica Mara Venier a Domenica in. La Venier, si è lasciata probabilmente prendere dalla commozione del ricordo intervistando Roby Facchinetti e Red Canzian è non ha rispettato, insolitamente, i tempi televisivi fino a risultare stucchevole: un’ora di commemorazione in un contenitore domenicale è troppo. Per di più senza dedicare neanche un minuto al ricordo del più popolare Gigi Proietti. Un errore grossolano che ci ha sorpreso.

Intanto continuiamo ad attaccarci a tutti i notiziari possibili e immaginabili nella speranza di una buona notizia sulla regressione della pandemia che invece continua a dilagare. Gli ospedali - ci dicono – sono al collasso. Ricordiamo che a Roma sono stati chiusi negli ultimi anni - a nostra memoria- almeno due grandi ospedali: Il Forlanini e il San Giacomo. Chiudere un ospedale è come chiudere una scuola o un tribunale: è un attentato all’assetto sociale di una nazione. Bisognerebbe - e dovrebbe essere un dovere - chiedere conto ai vari Marrazzo, Polverini, Zingaretti del motivo di queste decisioni dissennate e - lo possiamo constatare oggi, purtroppo – irresponsabili.

AFORISMI - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S.Johnson) - L'amore vince ogni cosa (P. Virgilio Marone) - C'è tutta una vita in un'ora d'amore (Balzac) - Amore e amicizia si escludono a vicenda (J.de La Bruyere) - La misura dell'amore è amare senza misura (Sant'Agostino) - Nel mondo c'è più fame d'amore che di pane (M.Teresa di Calcutta) - Senza amore l'umanità  non sopravviverebbe un solo giorno (E.Fromm) -