#114 - 15 dicembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterŕ  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 23 aprile, quando lascerŕ  il posto al numero 284. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non sŕ ridere non č una persona seria (P. Caruso) - l'amore č la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso puň suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata č un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialitŕ  e stupiditŕ č che la genialitŕ ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Fotografia

Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del MiBACT

Galleria Civica - Potenza

Andate in pace

fotografie di Giorgio Barrera e Niccolò Rastrelli

L'Associazione culturale Visioni Future presenta negli spazi della Galleria civica di Potenza Andate in pace, un progetto dei fotografi Giorgio Barrera e Niccolò Rastrelli a cura di Daniele De Luigi. La mostra, prodotta dall’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del MiBACT, con la partecipazione di Visioni Future e della Fondazione Culturale San Fedele di Milano, giunge nel capoluogo lucano dopo essere stata esposta a Roma (ICCD, Complesso del San Michele), Milano (Galleria San Fedele) e a Venezia (Museo Diocesano) come evento istituzionale del MiBACT in occasione della Biennale di Architettura.

Andate in paceAndate in paceAndate in pace

L’esposizione si compone di 23 fotografie in diversi formati e un’installazione video, a cui si aggiunge una selezione di stampe tratte dagli archivi dell’ICCD. Le immagini sono state realizzate in numerose città italiane tra cui Roma, Milano, Torino, Firenze, Napoli, Potenza, Foligno, Taranto, Pescara e includono opere di celebri architetti quali Massimiliano Fuksas, Giovanni Michelucci, Paolo Portoghesi, Mario Botta, Gio Ponti, Ignazio Gardella.

Le fotografie di Giorgio Barrera e Niccolò Rastrelli mostrano una ricognizione delle architetture ecclesiastiche italiane postconciliari, riprese al loro interno alla presenza dei fedeli. Muovendosi nell’ambito della tradizione documentaria, i fotografi caratterizzano in modo originale la propria ricerca attraverso la scelta di impostare la ripresa secondo un canone fisso, realizzando per ogni chiesa un’unica immagine che assume sempre il medesimo punto di vista (quello del sacerdote dall’altare) e viene eseguita in un preciso momento (quello della funzione sacra).
Una scelta dettata da precise ragioni storiche: la riforma liturgica del Concilio Ecumenico Vaticano II ha determinato infatti lo spostamento del sacerdote versus populum, in posizione rivolta verso l’assemblea.

Andate in paceAndate in paceAndate in pace

Il risultato di questo procedimento sono immagini che, attraverso uno sguardo inedito, propongono una riflessione sul complesso rapporto tra Chiesa cattolica, architettura contemporanea e comunità dei fedeli. Esse sono infatti rigorose vedute dell’interno degli edifici - benché ribaltate rispetto al punto di vista abituale - ma al contempo un’indagine socio-antropologica, una narrazione dell’Italia di oggi e un ritratto della comunità cattolica. Nel solco di un’importante tradizione artistica del Novecento, esse uniscono dunque al valore documentario la capacità di costituire una riflessione sulle prerogative del vedere e la natura dell’immagine fotografica.

Come dichiarano i fotografi, “Le immagini di questa documentazione fotografica vogliono raggiungere una sintesi, mostrano cioè la chiesa come luogo architettonico e corporeo. L’elemento umano è un elemento imprescindibile della nostra ricerca, la parola chiesa deriva infatti dal greco ‘ekklesìa’ e significa comunità. In questo senso l’edificio ecclesiastico va inteso come uno spazio fatto di persone in carne ed ossa, o come afferma San Paolo di ‘pietre viventi’. Il momento in cui il sacerdote si rivolge ai fedeli è il fondamento della nostra immedesimazione nell’atto fotografico. La macchina fotografica, infatti, viene posizionata e rimane per lungo tempo innanzi all’altare, centrale, simmetrica: direzionata verso l’entrata della chiesa, essa inquadra i fedeli presenti al rito e tende a personificare lo sguardo del sacerdote. Chi entra in chiesa non vede i fotografi perché l’apparecchio viene azionato da un telecomando. La sintesi, dunque, è la fotografia”.

Andate in paceAndate in paceAndate in pace

Le immagini di Barrera e Rastrelli saranno introdotte in mostra da un’accurata selezione di fotografie di chiese italiane, realizzate secondo le regole della controriforma cattolica, tratte dagli archivi storici conservati all’ICCD e realizzate con i canoni della ripresa documentaria classica. In questo modo gli archivi storici si mettono a disposizione per una riflessione sulla contemporaneità.
Accompagna la mostra un volume edito da Postcart/ICCD nella collana Contemporanea, in formato 24x30 cm. con 20 fotografie a colori, e testi in italiano e in inglese di Laura Moro, Aldo Colella, padre Andrea Dall’Asta, mons. Giancarlo Santi, e una conversazione tra Daniele De Luigi e i fotografi.
Il progetto Andate in pace nel 2012 è stato finalista al Premio Francesco Fabbri per le arti contemporanee e al Premio Ponchielli, nel 2013 è stato selezionato tra i finalisti dei Sony World Photography Awards e ha ricevuto una menzione speciale dal Photographic Museum of Humanity.

Andate in paceAndate in pace

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.