#256 - 8 febbraio 2020
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cinema

Torino - Cinema Massimo

Cinema di Bong Joon-ho

5 - 19 febbraio - le conseguenze dell'immaginario

di Federica Fasciolo

Balzato agli onori della cronaca grazie alla Palma d’oro al Festival di Cannes per Parasite, il regista sudcoreano Bong Joon-ho ha affermato la sua poetica nel corso di una filmografia coerente per sguardo e intenti, ma estremamente versatile nelle scelte formali. I suoi film, che non trascurano mai la pungente critica sociale e politica, sfiorano i generi e raccontano la vita, più o meno realista, di uomini e donne coinvolti sempre in universi sbagliati, nei quali la rottura del meccanismo si è ormai trasformata in catastrofe.

17 / 02 Memories of Murder - (Corea del Sud 2003, 131’, HD, col., v.o. sott.it.) Gyeonggi, 1986, ispirato a una vicenda realmente accaduta. Due poliziotti sono sulle tracce di un assassino seriale, che prima stupra e poi strangola le sue vittime. Un mistero che sconvolge e terrorizza un piccolo paese in campagna, lontano da Seoul. Apparentemente senza un movente comune ad alimentarli, gli omicidi spiazzano gli investigatori, costretti dopo le prime scaramucce a venirsi incontro.

Cinema di Bong Joon-hoCinema di Bong Joon-ho

16 / 02
The Host - (Corea del Sud 2006, 120’, HD, col., v.o. sott.it.)
Un mostro marino, la cui nascita è probabilmente imputabile allo smaltimento abusivo, avvenuto anni prima, di agenti inquinanti da parte di un’equipe di scienziati, emerge dal fiume Han, a Seul, attaccando e uccidendo i villeggianti intenti a godersi una bella giornata di sole: la creatura mutante, dopo aver mietuto numerose vittime, prende prigioniera una bambina, Hyun-seo. Nonostante l’intervento militare americano, che finirà per fare più danni che altro, sarà la disastrata famiglia della piccola a risolvere la situazione.

8 - 14 - 18 / 02
Barking Dogs Never Bite - (Corea del Sud 2000, 110’, HD, col., v.o. sott. it.)
Yoon-ju è un ricercatore universitario frustrato dal fatto di non essere ancora riuscito a farsi assegnare una cattedra. Convinto che la causa del suo malessere stia nel continuo abbaiare di un cane di un vicino di casa, decide di eliminarlo. Hanno inizio, così, una serie di spiacevoli eventi che culmineranno con la morte di un’altra vicina, il cui cane è già stato vittima di Yoon-ju. Questi, intanto, scopre l’esistenza di un mondo sotterraneo del suo condominio dove un barbone e il guardiano stesso del caseggiato mangiano strane zuppe dal contenuto imprecisato.

Cinema di Bong Joon-hoCinema di Bong Joon-ho

9 - 14 - 19 / 02
Mother - (Corea del Sud 2009, 129’, HD, col., v.o. sott. it.)
Do-joon è un ragazzo con problemi mentali, bizzarro ma apparentemente inoffensivo, che viene accusato del brutale omicidio di una ragazza. La madre si rifiuta di accettare questa verità e, dopo aver compreso che polizia e avvocati non vogliono fare niente per sovvertire l’andamento delle cose, si impegna da sola nell’impresa di scoprire il vero colpevole e scagionare così il figlio.

10 - 15 / 02
Snowpiercer - (Corea del Sud 2013, 126’, HD, col., v.o. sott.it.)
In un futuro non lontano, la Terra conosce una nuova Era Glaciale. Gli ultimi sopravvissuti del genere umano vivono confinati in un treno rompighiaccio in grado di correre perpetuamente attraverso il globo. In coda al treno sono stati collocati i miserabili sfruttati che salirono a bordo gratis, verso la testa del treno vivono invece i passeggeri di prima classe. Ma la rivolta degli oppressi dalla coda del treno è oramai imminente.

Cinema di Bong Joon-hoCinema di Bong Joon-ho

11 - 15 / 02
Okja - (Corea del Sud/Usa 2017, 120’, HD, col., v.o. sott. it.)
Sulle montagne della Corea del Sud, la giovane Mija divide da dieci anni una vita semplice, immersa nella natura, con la compagna di giochi Okja, un esemplare di super maiale, creato in laboratorio dalla multinazionale Mirando. Quando la Corporation si presenta per riprendersi l’animale e portarlo a New York, dove verrà incoronato vincitore di un concorso e poi mandato al macello, Mija non ci sta e parte alla rincorsa della sua migliore amica.

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)