#254 - 11 gennaio 2020
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

“Nella vita ci vuole culo?” chiede Piero Chiambretti a Vittorio Feltri ospite della sua trasmissione La Repubblica delle Donne su Rete4.

ZappingZapping

“Senza il culo non attraversi neanche la strada”, la risposta epigrafica del franco giornalista. Una risposta dai risvolti apotropaici che mettiamo prudentemente ad esergo di questo neonato anno bisestile.

Nei numerosi Tg e negli altrettanto numerosi salotti giornalistici sta andando di moda soffermarsi su un curioso movimento “spontaneo” dal nome infelicemente metaforico di “sardine”.
Abbiamo visto e sentito il suo portavoce – che ad essere sinceri si esprime in modo piuttosto primitivo con frasi zeppe di fascismo, razzismo, Salvini, populismo, eccetera – da Fazio a Che tempo che fa, da Floris a Di Martedì, a Omnibus ancora sulla 7, eccetera un’altra volta.
Un movimento che sta ottenendo un discreto numero di proseliti e che “spontaneamente” fiancheggia l’attuale governo opponendosi all’opposizione, con ammirevole coraggio.

ZappingZappingZapping

Abbiamo pescato nel Web una notizia, da sottolineare ripetutamente, circolata però purtroppo soltanto nei Tg locali della Liguria. La senatrice a vita Liliana Segre in visita a Rapallo per riceverne la cittadinanza onoraria, appresa la notizia che l’ANPI, un’associazione di vecchi nostalgici risalente al dopoguerra, aveva protestato contro l’iniziativa del Comune di offrire una corona di fiori alla memoria dei caduti della Repubblica Sociale, ha così saggiamente redarguito: “I morti sono tutti uguali. Non togliamo le corone a nessuno”.

ZappingZapping

Nell’ultima puntata (la prima del nuovo anno) di Io e te su RAI 1, il conduttore Pierluigi Diaco più volte ha portato l’attenzione del pubblico su un bel presepe allestito in studio, rimarcandone il valore culturale oltre che religioso. Entrando così nel vivo di una polemica, che non si spegne, sull’opportunità di esporre il presepe in luoghi pubblici per non urtare la sensibilità religiosa di chi cristiano non è. Come se la grande Menorah installata ogni anno a Piazza Barberini a Roma in occasione della Chanukkà, una della più importanti feste religiose ebraiche, potesse urtare la sensibilità di un cattolico!
Nostra impressione è che molti disturbi di natura psichiatrica si camuffino più o meno inconsciamente, oggi come in passato, da istanze religiose. Lo aveva ben raccontato – ed in mille modi - il vecchio Freud: le psicopatologie sono camaleontiche!

ZappingZapping

Notiamo da molto tempo – e il fenomeno sembra ormai dilagare in proporzioni epidemiche – un’invasione di cuochi (con affettata eleganza chiamati chef) su tutte televisioni e ad ogni ora del giorno: si cucina in tutte le salse, si gareggia a suon di ricette, si mangia a quattro palmenti.
Primi piani di affettati, di padelle friggenti, di intingoli sugosi, di sensuali bocche truccate che addentano prelibatezze a chilometro zero.
Se vale l’equivalenza, cara ai sociologi, tra cibo e sesso, potremmo ricondurre il curioso dilagante fenomeno ad una pornofilia sublimata, ad innominabili orge tradotte in abili spadellamenti tra cuochi e ostesse, a osceni quanto gustosi preliminari mimetizzati da appassionati assaggini e da allettanti brodini aggrediti da labbra suggenti.

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)